Minorenne incatenato dal padre per punizione senza cibo e acqua: si libera dopo due giorni

Aveva litigato col figlio minorenne e per «punirlo» gli ha legato le caviglie con una catena, e con un’altra lo ha assicurato al letto, privandolo di acqua e cibo. Dopo due giorni il ragazzo, liberandosi dalla sola catena che lo legava al letto, con i piedi ancora legati, è riuscito a fuggire e ha cercato aiuto alla vicina di casa.

La donna ha avvertito i carabinieri che hanno arrestato il padre, un romeno di 38 anni per i reati di sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia. È accaduto a Ladispoli, vicino a Roma. Il padre è stato condotto presso la casa circondariale di Civitavecchia.


Altre Notizie