Aggredito con acido dalla ex, rischia di perdere un occhio

Un 30enne è rimasto gravemente ustionato al viso e al torace e rischia di perdere un occhio dopo essere stato colpito al volto con acido, lanciatogli contro dalla ex fidanzata di 38 anni dopo una lite in strada, nella tarda serata di martedì a Legnano, nel Milanese. La donna si è poi costituita ai carabinieri ed è stata arresta per lesioni personali gravissime e atti persecutori e si trova in carcere.

Non accettava la fine della loro storia e così presumibilmente lo ha raggiunto per tentare di convincerlo ancora a cambiare idea e poi, in mezzo alla strada, gli ha rovesciato addosso un flacone di acido, provocandogli ustioni di terzo grado al volto, al torace e alle mani, e rimanendo lievemente ustionata alle mani anche lei. Questa, stando ai primi accertamenti dei carabinieri, sarebbe la dinamica dell’aggressione.

Lui, soccorso e ricoverato in ospedale, rischia di perdere l’occhio destro. La donna, di otto anni più grande di lui, dopo essere fuggita dal luogo dell’aggressione, si è presentata ai carabinieri di Legnano che l’hanno arrestata dopo averla portata in pronto soccorso, dove le sono state riscontrate ustioni di secondo grado alle mani.

La coppia era separata da diverso tempo ma all’origine dell’insano gesto ci sarebbe comunque un movente passionale. La lite è avvenuta a Legnano, attorno alle 21:30 in via dei Pioppi, all’altezza del civico 15. Non ci sono stati testimoni oculari ma la donna avrebbe già ammesso le proprie responsabilità.



Altre Notizie