Salone del Libro, smantellato lo stand di Altaforte: “E’ un attacco a Salvini”

Smantellato al Salone del Libro lo stand di Altaforte, la casa editrice vicina a Casa Pound al centro delle polemiche, esclusa dalla kermesse. Vicino allo stand del ministero della Difesa è rimasta la sagoma dello stand.

“Le mie dichiarazioni sono state usate come scusa, sono stato denunciato per un reato di opinione. Sono disponibile a chiarire la mia posizione con la Procura, ma ritengo che la pietra dello scandalo sia il libro ‘Io Matteo Salvini’. E’ un attacco al ministro dell’Interno, che comunque non voglio tirare per il bavero”, commenta Francesco Polacchi, editore di Altaforte. “Una revoca inaccettabile – aggiunge – andremo per via legali”.

“Sarò al Salone del Libro di Torino per ribadire che la logica di Altaforte non si piega al pensiero unico”, aveva annunciato su Facebook Polacchi. “Se avete a cuore la libertà d’espressione – ha scritto – vi aspetto. I libri non devono conoscere censura”.

Martedì Regione Piemonte e Comune di Torino avevano presentato un esposto contro Polacchi e la procura ha aperto una inchiesta per apologia di fascismo. Una “scelta di campo”: Città di Torino e Regione Piemonte definiscono così la decisione di tenere fuori Altaforte dal Solone del Libro per “tutelare la sua immagine, la sua impronta democratica e il sereno svolgimento della manifestazione”. Dopo giorni di polemiche, divisioni e defezioni, sale dunque la tensione alla vigilia dell’inaugurazione della buchmesse. “E’ una richiesta assurda. Faremo causa e la vinceremo”, afferma Francesco Polacchi, che la Procura di Torino ha indagato per apologia del fascismo.

Ci sarà anche Halina Birenbaum, 90 anni, sopravvissuta ad Auschwitz. “Le lasceremo la parola”, annunciano la sindaca Chiara Appendino e il governatore Sergio Chiamparino, al termine di una lunga giornata di trattative. E’ stata proprio la poetessa polacca, 90 anni, oggi residente in Israele, a spingere le istituzioni all’esclusione. “Era inimmaginabile avere una testimone della storia come lei fuori dal Salone e Alforte dentro…”, dice la prima cittadina di fronte alla possibilità che la scrittrice tenesse la sua lezione agli studenti davanti ai cancelli del Salone. “Abbiamo lavorato tutto il pomeriggio – spiega Chiamparino – per trovare una mediazione, ma non è stato possibile, e io aggiungo comprensibilmente, per cui abbiamo preso l’unica decisione in linea con la trazione e i valori di Torino e del Piemonte”.



Altre Notizie