Artista ucciso con un pugno, fermato 18enne

Un ragazzo 18enne di origini tunisine, con cittadinanza italiana acquisita di recente, è stato fermato dai carabinieri perché indiziato dell’omicidio di Umberto Ranieri L’artista, in arte Nniet Brovdi, era stato aggredito a Largo Preneste, a Roma, il 17 marzo scorso.

Dopo essere stato colpito con un pugno al volto, aveva sbattuto la testa cadendo a terra e in seguito era morto in ospedale. L’arrestato, considerato dai carabinieri l’autore materiale del colpo, è stato portato presso la casa circondariale di Roma Regina Coeli, dove è in attesa dell’udienza di convalida.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri del Nucleo operativo di Roma Casilina, Ranieri sarebbe stato aggredito dopo una lite, degenerata perché aveva invitato un gruppo di giovani che stava consumando una bustina di semi di girasole a non sporcare.


Altre Notizie