In arrivo bomba di calore e monsone africano, temperature oltre i 40 gradi

E’ in arrivo un’intensa bomba di calore, con il suo apice a metà settimana, che farà arrivare il termometro a 39 gradi in Toscana e a 37 a Roma e nelle zone interne del Lazio, in Sardegna e in Pianura Padana e che si attenuerà proprio nel fine settimana, anche se per poco tempo. ‘Riappaiono’ intanto i bollini rossi del ministero della Salute: le città più a rischio caldo domani sono due, Brescia e Pescara, mercoledì anche Bolzano, Firenze, Perugia e Torino.

Mercoledì e giovedì saranno le giornate più calde, ma per tirare un ‘sospiro di sollievo’ bisognerà aspettare il weekend.

A determinare questa ondata di calore, spiega Bernardo Gozzini, direttore del Consorzio Lamma-Cnr, “è la rimonta dell’alta pressione determinata dalla presenza di un’area di bassa pressione sull’Oceano Atlantico, che richiama aria calda dal deserto algerino.

A questa si aggiunge un monsone africano più forte rispetto alla norma, che dà ulteriore impulso all’anticiclone africano”. L’aria calda, precisa il meteorologo del Cnr, raggiungerà l’Europa, portando caldo record anche in città come Parigi dove giovedì sono previsti fino a 38 gradi, Londra con 33 gradi, Amsterdam e Bruxelles per citarne alcune.

Per limitare i rischi, soprattutto per le persone più fragili (persone molto anziane, persone con problemi di salute, che assumono farmaci, neonati e bambini molto piccoli) si rimanda al decalogo diramato dal ministero della Salute, dieci semplici regole comportamentali che possono ridurre notevolmente le conseguenze nocive del calore.



Altre Notizie