Incendio Brendola, livelli di benzene alle stelle

Incendio Brendola. Livelli di benzene che superano di oltre venti volte la media annuale. Sono questi i primi risultati ufficiali delle analisi Arpav in merito all’incendio scoppiato verso le ore 13 di ieri nella zona industriale di Brendola, in provincia di Vicenza, presso una ditta di vernici.

Per quanto i test siano ancora in corso e solo oggi si saprà con certezza se la combustione ha provocato o meno la dispersione nell’aria anche di diossina, policlorobifenili e benzo(a)pirene, le prime comunicazioni ufficiali dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale, arrivate nella tarda serata di ieri, parlano di una concentrazione di benzene pari a 120 e 115 microgrammi al metro cubo (quando per questa sostanza, “il riferimento normativo – si legge – per l’aria in ambiente esterno è di 5 microgrammi al metro cubo riferito però ad una media annuale”).

Le altre sostanze organiche volatili non hanno quantità così elevate, spiega ancora l’ente. L’Arpav ha anche effettuato a Montecchio Maggiore in Piazza Collodi vicino agli impianti sportivi e ad un istituto scolastico superiore un prelievo di microinquinanti organici (diossine, pcb, IPA) utilizzando un campionatore ad alto volume: i risultati saranno resi noti domani.



Altre Notizie