Ragno violino, ragazza finisce in pronto soccorso

Il morso di ragno violino è generalmente indolore ma, in alcuni casi, può rivelarsi estremamente pericoloso. Se in alcune circostanze il morso non provoca particolari danni, in altre situazioni, l’attacco di questo piccolo ragno può portare alla comparsa di conseguenze anche molto gravi.

Febbre alta e una profonda infiammazione: è quanto sofferto da una ragazza di 28 anni residente a Collecchio (Parma) per essere stata morsa da un ragno violino, uno dei più velenosi in Italia, mentre stava prendendo il sole. A riportare l’episodio è la Gazzetta di Parma.

Inizialmente la ragazza non aveva fatto caso alla puntura ma una volta rientrata a casa si è accorta del forte arrossamento nella zona del morso e ha cominciato ad avere febbre alta.

Dodici ore più tardi la visita al Pronto soccorso dove i medici hanno asportato la sacca di veleno praticando anche due punti e dopo due giorni le è stata definitivamente pulita la ferita.

Presente un po’ in tutta Italia, il ragno violino è di piccole dimensioni (arriva a 4-5 centimetri solo contando le zampe) ed è abbastanza schivo. Il suo morso è indolore e questo spesso porta ad accorgersi di quanto successo solo più tardi con l’infiammazione in atto.

Sintomi indotti dal Morso di Ragno Violino
Solitamente, il morso di ragno violino non viene percepito immediatamente e i primi sintomi compaiono dopo qualche ora. Per fortuna, la sintomatologia non sempre è grave e potenzialmente letale, ma può manifestarsi anche in forma lieve.

Ad ogni modo, i sintomi derivanti dal morso di ragno violino sono causati dall’inoculazione del secreto citotossico (veleno) attraverso gli aculei veleniferi di cui l’animale è dotato. In funzione della quantità di veleno inoculata con il morso, l’individuo può manifestare sintomi diversi, più o meno gravi.

Benché inizialmente il morso di ragno violino non venga in alcun modo percepito, il dolore è un sintomo che compare sempre, generalmente dopo 30-60 minuti dall’avvenuto attacco. Lo stimolo doloroso può manifestarsi localmente, nel punto in cui il ragno ha dato il morso, così come può estendersi all’intero arto (in caso di morsi su mani, piedi, braccia e gambe) o alle aree circostanti.


Altre Notizie