Pecore ustionate dagli incendi, sos aloe sul web

Almeno 150 pecore sono morte travolte dalle fiamme in Sardegna ma anche maiali e cavalli mentre molti animali sono rimasti ustionati nonostante i tentativi degli allevatori di salvarli mettendo a rischio la propria vita. E’ questo il bilancio provvisorio in Sardegna del caldo anomalo che ha interessato la Penisola alimentando gli incendi, in occasione della quinta ondata di calore che attraverso l’Italia.

Una situazione drammatica per gli allevatori che – sottolinea la Coldiretti – provano a lenire le ferite degli animali sofferenti per evitare gli abbattimenti. Una dramma che pero’ – continua la Coldiretti – ha fatto scattare la solidarietà dei cittadini sardi anche in rete per recuperare Aloe vera che secondo le antiche tradizioni aiuta a lenire le scottature che hanno segnato i greggi. E aiuti – continua la Coldiretti – sono arrivati anche per il foraggio andato a fuoco e necessario per alimentare gli animali sopravvissuti. Quest’anno in Sardegna – sottolinea la Coldiretti – sono bruciati 3712,85 ettari bruciati a causa dei 1.732 incendi, un numero praticamente il doppio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno in cui si erano verificati 943 incendi e 1815,46 ettari bruciati, ma che e stato pero segnato dalla pioggia.

L’anomalia climatica ha interessato in realtà l’intera penisola con pesanti effetti nelle campagne e nelle stalle in una estate che si classifica al terzo posto fino ad ora tra le piu’ calde del 1800 per effetto di un mese di luglio con 2 gradi in piu’ rispetto alla media storica mentre giugno aveva fatto registrare una temperatura superiore di 3,3 gradi rispetto alla media, secondo stime della Coldiretti sulla base delle elaborazioni su dati Isac Cnr.


Altre Notizie