Powassan, il virus che si trasmette in soli 15 minuti è potenzialmente mortale

Il virus Powassan è molto potente e potenzialmente mortale, portato dalle zecche potente e mortale rispetto al Lyme. Il virus Powassan è aumentato negli ultimi anni. La maggior parte dei casi si registrano negli Stati Uniti, nelle regioni a nord-est e dei Grandi Laghi dalla tarda primavera fino a metà autunno quando le zecche sono più attive.

Il Powassan virus rappresenta una minaccia piuttosto seria, portatore di effetti collaterali e alte percentuali di mortalità nei soggetti affetti. Il virus viene trasmesso all’uomo tramite il contatto delle zecche di cervo e ha provocato la morte di diverse persone all’interno dei territori americani. Pochi giorni fa il Powassan virus ha ucciso un residente di Gardiner, a New York, dove le autorità sono insorte per diramare uno stato di allerta a prevenzione del contagio.

Il virus Powassan si trasmette in soli 15 minuti. Il virus si trasmette in soli 15 minuti dal momento in cui la zecca entra in contatto con la cute umana. Il Powassan virus appartiene alla famiglia dei Flaviviridae e al genere Flavivirus, presentando come vettori le zecche in grado di vivere sui mammiferi di modeste dimensioni. Il Powassan virus è particolarmente diffuso in Canada, America e Russia, ed è causa di conseguenze mortali e gravi effetti collaterali per l’uomo.

Il virus non risponde ai trattamenti farmacologici a base di antibiotici e proprio per tale motivo si rende estremamente pericoloso e letale. Secondo gli ultimi dati il Powassan virus ha provocato la morte di diverse persone all’interno dei territori americani, rappresentando un vero e proprio pericolo odierno.

Le misure preventive si basano sulle misure da adottare all’esterno, soprattutto all’interno di boschi e aree incontaminate. Per identificare l’eventuale presenza delle zecche portatrici del Powassan virus si consiglia un abbigliamento chiaro, l’utilizzo degli spray e delle lozioni repellenti per insetti.

Nel corso degli ultimi anni il temibile virus si è diffuso soprattutto all’interno della regione americana dei Grandi Laghi, nonostante la rarità di un effettivo contagio. Nella maggior parte dei casi l’organismo umano si è dimostrato in grado di combattere i sintomi del virus, debellandolo in maniera del tutto naturale. In casi più gravi tuttavia, le terapie antibiotiche si sono invece dimostrate inefficaci.

Il corredo sintomatico causato dal Powassan virus presenta cefalea, deficit di memoria e concentrazione, meningite, encefalite, febbre, deficit di linguaggio. Il tasso di mortalità del virus si aggira intorno al 15%.

I sintomi. Confusione mentale, difficoltà verbali, febbre, attacchi epilettici, vomito. Al momento esistono solo terapie sperimentali per curare la malattia. Chi è contagiato e manifesta sintomi importanti deve essere ricoverato immediatamente in ospedale per un supporto respiratorio e farmaci in grado di limitare il gonfiore al cervello.

Altre Notizie