Trump vuole comprare la Groenlandia dalla Danimarca

Il presidente americano Donald Trump vuole acquistare la Groenlandia dalla Danimarca. Secondo quanto scrive il Wall Street Journal, l’inquilino della Casa Bianca si è informato “ripetutamente” con i suoi collaboratori – anche se “con vari gradi di serietà” – sulla possibilità che gli Stati Uniti acquistino il territorio autonomo danese. Il suo interesse sarebbe legato alle risorse naturali e all’importanza geopolitica dell’isola.

La replica. “La Groenlandia non è in vendita», è la replica del governo locale con una dichiarazione ufficiale riportata dai media americani. “Siamo comunque aperti al business», aggiunge però il governo danese con un tweet del ministero degli esteri di Copenaghen, in quella che alcuni leggono come un’apertura verso eventuali investimenti dagli Stati Uniti in Groenlandia, soprattutto sul fronte del turismo”.

Trump non sarebbe il primo Presidente Usa a tentare di acquistare l’enorme isola. Nel 1946, dopo la Seconda Guerra Mondiale Harry Truman aveva offerto alla Danimarca 100 milioni di dollari, ma la proposta fu bocciata. Adesso però le cose, secondo il Wall Street Journal, sarebbero cambiate. A una cena ufficiale nella scorsa primavera, qualcuno ha confidato a Trump che la Danimarca sarebbe alle prese con qualche problema finanziario e che l’ipotesi di vendere la Groenlandia, a cui il governo di Copenaghen versa ogni anno 591 milioni di dollari in sussidi, poteva diventare una necessità. Il giornale finanziario americano non spiega con quale tono, se serio o scherzoso, fosse stata rappresentata questa possibilità. Ma a Trump l’idea piace: vorrebbe lasciare come lascito un territorio, come fece un suo illustre predecessore, il presidente Dwight Eisenhower, sotto il quale l’Alaska venne annessa agli Stati Uniti.



Altre Notizie