Il tè matcha contribuisce a mantenerci sani più a lungo

Il tè matcha è un tè verde in polvere. A parlarne è un articolo pubblicato dagli specialisti di Humanitas, sul proprio sito. La sua origine viene localizzata in Cina, all’incirca nel nono secolo, ma è solo dopo la scoperta delle sue proprietà da parte di alcuni monaci buddisti giapponesi che la sua particolare tecnica di coltivazione e lavorazione viene perfezionata. Questa tipologia specifica di tè infatti viene prodotta solo utilizzando foglie di tè di qualità elevate (dette tencha) cresciute esclusivamente all’ombra.

La raccolta viene fatta a mano ed è seguita da un breve trattamento al vapore mirato a proteggere le foglie dall’ossidazione e a preservarne il sapore e il contenuto nutrizionale. Il passaggio finale è la macinatura delle foglie, eseguita utilizzando in particolare pietre di granito. Il tè matcha, dicono gli specialisti, è una fonte di polifenoli, di catechine, di clorofilla, di L-teanina e di teofillina.

Benefici del tè matcha. Il tè matcha è una fonte di antiossidanti che possono aiutare le difese dell’organismo, come l’epigallocatenichina gallato. Sembra, dicono gli specialisti, che in caso di diabete questi antiossidanti possano portare dei benefici, come quello di ridurre i livelli di trigliceridi e di colesterolo totale nel sangue e i livelli epatici di glucosio, proteggere i reni e difendere la salute del fegato. Inoltre l’epigallocatechina gallato avrebbe effetti positivi sulla salute anche in ambito cardiovascolare, avendo la potenzialità di mantenere basso il colesterolo ematico. La teofillina aiuterebbe invece ad aumentare le energie a disposizione, mentre la clorofilla stimolerebbe i meccanismi di depurazione dell’organismo. Infine, scrive Humanitas, il matcha potrebbe avere anche un effetto calmante e rilassante e sarebbe persino utile in caso di disturbi gastrointestinali.

Ecco come preparare una tazza di latte al tè matcha

Il latte al tè matcha è una bevanda che sta riscuotendo sempre più successo anche in Italia e che non richiede particolare impegno per la preparazione. Infatti vi basterà versare in una ciotola del tè matcha e mescolarlo energicamente con dell’acqua abbastanza calda. A questo scopo potete utilizzare il Chasen, una spatola in bambù che i giapponesi usano come frustino proprio per mescolare il tè matcha, e che è facilmente reperibile in commercio, o in alternativa il classico frustino elettrico usato per la preparazione dei dolci.



Altre Notizie