La dieta della terra, fa bene all’ambiente e alla nostra salute

18

Secondo una ricerca delle Università di Oxford e del Minnesota la ‘dieta della Terra’ esiste, ed oltre a fare bene alla nostra salute fa bene anche all’ambiente.

Sopratutto se i cibi  hanno un basso impatto ambientale. Tranne che per due eccezioni: il pesce (il cui consumo è meno sostenibile ma fa bene all’organismo) e le bevande zuccherate (che hanno una ridotta impronta ecologica e delle quali è bene ridurne l’uso). La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Pnas.

Quasi tutti gli alimenti associati a migliori risultati in termini di salute (cereali integrali, frutta, verdura, legumi, noci e olio d’oliva) hanno gli impatti ambientali più bassi. Allo stesso modo, gli alimenti con i maggiori aumenti dei rischi di malattie (principalmente carni rosse come carne di maiale, manzo, montone e capra) sono costantemente associati ai maggiori impatti ambientali negativi. Le due notevoli eccezioni sono risultate il pesce, un alimento generalmente più sano e che però ha moderati impatti ambientali e le bevande zuccherate, che presentano rischi per la salute ma che hanno un basso impatto ambientale.

Gli alimenti a base di cereali, come la pasta, sono da secoli al centro di diete tradizionali, a differenza di altri componenti della dieta, non richiede una produzione intensiva ed è un alimento dal basso impatto ambientale . Grazie inoltre alla sua versatilità è anche un perfetto esempio di cucina anti-spreco in cucina (si pensi a note ricette di recupero come le frittata di pasta, gli sformati o le insalate fredde).

“Gli alimenti che compongono la nostra dieta hanno un grande impatto sia su noi stessi che sul nostro ambiente. Questo studio dimostra che mangiare più sano significa anche mangiare in modo più sostenibile”, ha detto David Tilman, docente di ecologia dell’Università del Minnesota che ha condotto l’analisi.