Australia: è allarme incendi, dichiarato lo stato di pericolo “catastrofico”

La stagione degli incendi in Australia è ancora agli inizi, eppure i danni causati fino a questo momento sono equiparabili a quelli registrati complessivamente nelle tre stagioni precedenti. La conta delle persone morte tra le fiamme e delle proprietà andate distrutte – 150, al momento – è destinata ad aumentare quando le zone colpite saranno accessibili. Gli ambientalisti temono anche per l’incolumità degli animali che popolano quelle aree: si stima che fino a 350 koala possano essere rimasti uccisi in una riserva naturale presso Port Macquarie, a Nord di Sydney, mentre i volontari ne hanno finora tratti in salvo 16

La premier del New South Wales, Gladys Berejiklian, ha dichiarato lo stato di emergenza per i prossimi sette giorni. Sono 64 gli incendi boschivi divampati nel territorio, di cui 40 non contenuti. Le condizioni meteo più favorevoli del weekend appena concluso hanno portato un temporaneo sollievo allo Stato australiano, permettendo ai vigili del fuoco di predisporre linee di contenimento per le fiamme.

Tuttavia è previsto per martedì un nuovo innalzamento delle temperature, accompagnato da bassa umidità e forti raffiche di vento. Per questo oltre 300 scuole in tutto lo Stato resteranno chiuse, nonostante proprio in questi giorni si tengano gli esami di maturità. Nel frattempo nel Queensland, a Nordest, più di 50 roghi hanno distrutto case, capannoni e automobili, costringendo migliaia di persone ad abbandonare le proprie abitazioni.


Altre Notizie