Ragazza dorme da 2 mesi, colpita dalla sindrome di Kleine-Levin

51
Blonde woman sleeping in bed peacefully

Un sonno profondo e prolungato durato quasi 2 mesi. E’ l’esperienza di una 17enne colombiana vittima di una malattia rara, la sindrome di Kleine-Levin (KLS), una malattia neurologica rara di origine non nota, caratterizzata da episodi di ipersonnia di tipo ricaduta-remissione in associazione a disturbi cognitivi e comportamentali. Interessa circa 1-2 milioni di individui.

La giovane colombiana Sharik Tovar – come riporta ‘Livescience’ – ha frequenti episodi di addormentamento prolungato, accompagnati a volte da perdita di memoria. Nel caso della crisi più lunga, 48 giorni di sonno filato, non riusciva a riconoscere il volto della madre al risveglio. Nonostante tutto la ragazza, ad esclusione degli episodi di sonno prolungato, vive una vita normale e non ha altri sintomi.

La madre della giovane, per nutrirla e idratarla durante il sonno prolungato, ha utilizzato dei biberon. La donna per prendersi cura della figlia ha dovuto lasciare il lavoro, e per questo ha chiesto aiuto alle autorità colombiane.

Sintomi
Una persona con gli episodi periodici di esperienze di sindrome di Kleine-Levin delle abitudini e dei comportamenti alterati di sonno. Fra questi episodi, i pazienti non notano alcuni sintomi e non sembra essere nella salubrità altrimenti perfetta.

Durante l’episodio della sindrome di Kleine-Levin, il paziente diventa molto assonnato e dorme in tutto la notte e la maggior parte del giorno, conosciuto come hypersomnolence. In molti casi, le persone dormono continuamente e svegliano soltanto in breve i periodi per mangiare o andare al bagno, che può interrompere considerevolmente il loro professionista o vita sociale.

I sintomi possono durare alcuni giorni ma possono continuare in alcuni casi per parecchi mesi, inibendo le attività quotidiane di normale. Poi risolvono spontaneamente per un periodo finché un altro episodio non cominci improvvisamente più successivamente un certo tempo.