Alitosi, cosa mangiare e cosa non mangiare per combattere l’alito cattivo

L’alitosi, comunemente detta anche alito cattivo, è frequente a tutte le età  ed è caratterizzata da un odore sgradevole dell’aria emessa dal cavo orale. Molte persone non sono consapevoli dell’odore del loro alito; per altre, invece, l’alitosi può essere fonte d’imbarazzo e disagio.

Una sana alimentazione ed un corretto stile di vita rappresentano il mix perfetto per la prevenzione dell’alitosi, un fenomeno imbarazzante e sgradevole che colpisce entrambi i sessi di tutte le età. Per prevenire l’alito cattivo non basta solamente consigliare l’uso del dentifricio, dello spazzolino e del collutorio: sembra, infatti, che la dieta influisca enormemente sulla freschezza dell’alito di una persona.

Cibo e alitosi. Il cibo che si ingerisce viene elaborato dal nostro organismo e sembra proprio che sia l’alimento stesso a determinare l’odore dell’alito: ecco quindi che la qualità del cibo ingerito gioca di per sé un ruolo assolutamente importante nel caratterizzare l’alito della persona. Fino al momento in cui il nostro organismo non elimina del tutto l’alimento assunto, l’odore dell’alito continua ad essere decisamente influenzato da quel determinato cibo: questo è un dato scientifico, studiato dall’Associazione Dentisti Americana.

Alimentazione: cosa mangiare e cosa non mangiare?
Come abbiamo accennato quì sopra, anche l’alimentazione gioca un ruolo importante nella battaglia contro l’alito cattivo. Innanzitutto è essenziale bere almeno 2 litri d’acqua durante la giornata perchè, oltre a mantere pulito il cavo orale, l’idratazione aiuta la produzione di saliva. che come abbiamo detto più volte, aiuta a combattere l’alitosi.

È consigliato inoltre consumare alimenti con lattici come lo yogurt o alcuni formaggi, perchè l’acidità di questi prodotti aiuta la digestione, diminuendo la probabilità di alito cattivo. Anche la verdura cruda è un vero toccasana per il proprio alito e quindi ti consiglio di mangiarla almeno una volta al giorno. Da evitare invece come la peste sono l’aglio e la cipolla perchè, come ormai è ben risaputo, questi due alimenti lasciano all’interno della nostra bocca un alito poco gradevole. Limitare il consumo di carni rosse e pesce, facendo attenzione al dosaggio di sale e spezie che potrebbero ridurre la salivazione. Infine evita anche l’abuso di alimenti fritti o ricchi di grassi.

Rimedi Naturali
Come in molti altri casi, puoi ricorrere alla natura per trovare dei rimedi efficaci e poco costosi, che possono ridurre o, in diversi casi, eliminare definitivamente l’alitosi dalla lista dei tuoi problemi. Una pianta molto utilizzata per combattere l’alito cattivo è l’avocado: grazie alle sue capacità digestive e all’abbondanza di fibre, questa pianta riesce ad alleviare l’alitosi causato da problemi gastro-intestinali. Un’altro rimedio consigliato dagli esperti è quella di assumere un bicchiere d’acqua con l’aceto di mele e una piccola dose di miele per favorire la digestione. Anche i colluttori possono aiutare a rinfrescare l’alito e alleviare l’alitosi grazie alle sostanze disinfettanti e antibatteriche. Tra i più utilizzati troviamo:

– Colluttorio con estratto di limone;

– Colluttorio con estratto di mandarino;

– Colluttorio con estratto di arancio;

– Colluttorio con estratto di menta;

– Colluttorio con estratto di eucalipto.

Anche le tisane aiutano a combattere l’alito cattivo perchè, oltre alle proprietà digestive, stimolano la salivazione. Tra quelle più consumate troviamo la tisana al finocchio, all’anice e quelle al carvi. Infine, anche alcune piante aromatiche come ad esempio il prezzemolo, la salvia o il rosmarino riescono a mascherare l’odore del tuo alito


Altre Notizie