Clima, Guterres: “Bisogna scegliere tra speranza e resa”

“L’umanità, che sta subendo le conseguenze dei cambiamenti climatici, deve scegliere tra la “speranza” di un mondo migliore agendo ora o ‘la capitolazione’ “. Lo ha dichiarato il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres all’apertura della COP25 a Madrid.

“Vogliamo davvero restare nella storia come generazione di struzzi, che passeggiava mentre il mondo bruciava?”, ha aggiunto il segretario parlando davanti ai rappresentanti dei circa 200 paesi firmatari dell’accordo di Parigi, tra cui circa 40 capi di stato e di governo. Il mondo è un punto di “svolta” e “tra ora e la fine del prossimo decennio saremo su una di queste due vie: una è quella della capitolazione, dove come sonnambuli avremo superato il punto di non ritorno, mettendo in pericolo la salute e la sicurezza di tutti gli abitanti di questo pianeta”, ha affermato Guterres.

“L’altra opzione è la via della speranza. Un cammino di risoluzione e di soluzioni durevoli. Un cammino in cui le energie fossili restano dà dove dovrebbero essere, nel sottosuolo, e in cui arriveremo alla neutralità carbonica entro il 2050”, ha proseguito il segretario generale delle Nazioni unite, chiedendo che si metta fine alla “dipendenza dal carbone”. Sottolineando la propria “frustrazione” di fronte alla lentezza dei cambiamenti, ha ripetuto la sua richiesta ad agire in modo radicale e urgente: l’accordo di Parigi del 2015 è stato una “promessa solenne” ai popoli del mondo intero, ha proseguito.

25.000 delegati, tra cui la giovane attivista ambientale svedese Greta Thunberg, in questi giorni saranno accolti all’Ifema, una grande fiera espositiva situata vicino all’aeroporto internazionale di Madrid. Mentre il Cile mantiene la presidenza dell’evento, molti critici sono emersi dalla società civile, temendo che il trasferimento della sede impedirà ad alcuni partecipanti di recarsi a Madrid (costi extra, visti, ecc.). L’arrivo dell’attivista svedese a Madrid è previsto per martedì.


Altre Notizie