I lupini, abbassano glicemia, pressione e riducono il colesterolo

10
Lupini-abbassano-glicemia-colesterolo-pressione

I lupini abbassano la glicemia, consumati dopo un pasto ricco di carboidrati e comunque inseriti accanto a cibi contenenti carboidrati. La quantità giornaliera varia in funzione della glicemia. Generalmente, 100 gr. al giorno possono integrare l’alimentazione di un diabetico.

I lupini sono preziosi alleati per ridurre il colesterolo. Secondo uno studio, il conglutin ɣ che si trova nei lupini aiuta a ridurre il colesterolo. In un altro studio condotto per studiare gli effetti della proteina del lupino su vari parametri del profilo lipidico, si è concluso che il colesterolo totale, il colesterolo LDL, il triacilglicerolo, l’omocisteina, l’acido urico diminuiscono in modo significativo dopo il consumo di proteine ​​del lupino rispetto alle persone che consumavano proteine ​​del latte. Alcune di queste qualità di abbassamento dei lipidi possono essere attribuite all’alto contenuto di arginina presente nel lupino.

I lupini abbassano la pressione sanguigna. L’ipertensione è causata da molteplici ragioni come un’anomalia nell’intestino interno dei vasi sanguigni chiamati endotelio, malattie renali, eccesso di sodio nel corpo ecc. Gli estratti di proteine ​​del lupino hanno dimostrato di correggere la disfunzione endoteliale vascolare. Questo aiuto nel giusto rilassamento dei vasi sanguigni, che contribuiscono ad abbassare l’alta pressione sanguigna.

L’ipertensione conduce ad attacchi cardiaci, ictus, paralisi, alterazioni dell’occhio, ecc. Ora siamo protetti da tutte queste complicazioni dell’ipertensione se mangiamo regolarmente i lupini.

Infine, all’ospedale Niguarda di Milano il professor Sirtori ha trattato pazienti con barrette dietetiche contenenti  proteine di lupino e ha constatato un calo del colesterolo del 4,2% .

Un’altra ricerca è stata condotta in Cile su pazienti diabetici per valutare una specifica frazione proteica del lupino ed il suo impiego ha dato un risultato positivo. Tanto da far pensare a future “pillole” antidiabetiche a base di lupini.