Il 40% delle specie di piante a rischio per il clima

16

Circa il 40% delle specie di piante esistenti sulla terraferma è a rischio per i cambiamenti climatici. Lo afferma lo studio del gruppo dell’Università americana dell’Arizona coordinato da Brian Enquist, pubblicato sul numero speciale della rivista “Science Advances”.

Si tratta di piante abituate a climi stabili e quindi più vulnerabili agli effetti del surriscaldamento globale. “Il valore vicino al 40% – osserva Enquist – è molto più alto di quanto ci aspettassimo”. Lo studio è basato su 10 anni di lavoro di catalogazione delle specie vegetali della terraferma da parte di un gruppo di 35 ricercatori, che hanno condotto circa 20 milioni di osservazioni dalle quali hanno dedotto che sulla terraferma esistono circa 435.000 specie di piante.

“Quando parliamo di biodiversità globale – spiega Enquist commenta – non abbiamo in realtà una percezione esatta del numero di specie di piante della terraferma, ma solo una buona approssimazione”. I ricercatori hanno quindi cercato di colmare questa lacuna: “Abbiamo provato a capire la natura di questa biodiversità vegetale e, soprattutto, come cambierà in futuro.

Alcune di queste piante sono infatti diffuse in diversi territori, altre invece sono straordinariamente rare” in quanto sono state osservate complessivamente meno di cinque volte. “Molte di queste piante concluso  sono adesso minacciate dalle attività umane, come l’agricoltura, lo sviluppo delle città e il consumo di suolo”, conclude Enquist .