Infezioni sessualmente trasmesse: L’esperta, in aumento sifilide e gonorrea, sono le prime cause dell’infertilità

Le malattie sessualmente trasmissibili sono tra le prime cause dell’infertilità, ad esempio sifilide e gonorrea, che sono in aumento anche perché sono spesso asintomatiche e questo peggiora contagio e diffusione”.

Così Daniela Galliano, direttrice del Centro Ivi di Roma, è intervenuta a margine della tavola rotonda IVI ‘Essere Mamma Oggi’, nella quale quattro esperte si sono confrontate a Milano sull’infertilità, sulle sue cause e sui rimedi. “Sono malattie che danno infertilità, perché inibiscono le tube, e in questi casi l’unica soluzione è la fecondazione assistita”, ha spiegato.

Esiste una stretta correlazione tra malattie sessualmente trasmissibili e infertilità?
Le malattie sessualmente trasmesse, specie se asintomatiche, possono sicuramente causare infertilità. Gli agenti infettivi infatti, propagandosi lungo le vie urogenitali, determinano uno stato flogistico in grado di alterare la normale fisiologia del concepimento.

Quali sono le malattie sessualmente trasmissibili più diffuse?
Secondo i dati riportati dall’Istituto Superiore di Sanità il numero di nuovi casi di malattie sessualmente trasmesse è in costante aumento con un’età media dei soggetti interessati di 32 aa che per il 70,2% è di sesso maschile.
Tra di esse le più diffuse sono i condilomi ano-genitali correlati ad infezione da Papilloma Virus, la Sifilide latente, la Gonorrea, le cervicovaginiti batteriche, le infezioni da Chlamidia trachomatis e Trichomonas vaginali, l’epatite A, B, C e l’HIV.

La principale strategia preventiva delle malattie sessualmente trasmissibili è di essere sempre al corrente dello stato di salute del partner con il quale si sceglie di condividere un rapporto sessuale.

A ciò si deve associare l’utilizzo di preservativi di qualità che impediscono alle secrezioni dell’uomo e della donna di entrare in contatto. Tuttavia voglio ricordare che l’uso dei preservativi non riduce il rischio di contagio a zero in quanto alcuni virus e batteri hanno la capacità di contagiare anche con il solo contatto cutaneo tra le zone dei genitali non protette dal preservativo.

Infine in commercio esistono vaccini, testati e sicuri, che sono in grado di tutelare il soggetto dalla possibilità di contrarre alcune malattie quali l’epatite A e B nonché alcune forme di Papilloma Virus.


Altre Notizie