Tesla pensa in grande: la Gigasfactory tedesca produrrà 500mila auto in un anno

5

La Tesla sbarca anche in Europa. Sul mercato è ovviamente già presente, ma stavolta vuole mettere radici: Berlino è stata scelta come sede nel vecchio continente della divisione apposita di Gigasfactory. Si tratterà del terzo impianto di produzione della società, oramai passata alla storia per le proprie auto elettriche iconiche, rese famose anche grazie al suo proprietario, Elon Musk.

In tanti si sono detti sorpresi da questa mossa strategica, ma non i più attenti, perché Musk più volte aveva mostrato una chiara preferenza per il suolo tedesco, considerato uno dei più indicati per lo scopo. Piuttosto, è Berlino a rappresentare una scelta inconsueta, ma nulla viene lasciato al caso: non avendo una tradizione in ambito automotive, probabilmente possiede un terreno più fertile. Nello stesso tempo la location prescelta è vicina al nuovo aeroporto, e centrale rispetto al resto d’Europa.

La Gigasfactory da 4 miliardi di euro

Come anticipato, la Tesla punterà dritta sulla Germania, facendo degli importanti investimenti in questo paese. La stessa Gigasfactory tedesca costerà circa 4 miliardi di euro, soltanto per la costruzione di impianti ed edifici.

Il nuovo stabilimento sorgerà a Grünheide, nel Brandeburgo, i lavori cominceranno il prossimo anno e avranno un grosso impatto lato occupazionale. Come sottolinea anche la rivista online Quattroruote.it, il ritmo di produzione previsto si attesta intorno alle 500mila auto annue. Non solo, la Gigasfactory darà lavoro ad almeno 10mila persone, indotto compreso.

Cosa produrrà la Gigasfactory di Berlino?

La produzione della Gigasfactory tedesca si concentrerà su due modelli specifici: la Tesla Model Y e la Tesla Model 3, ovvero due dei modelli di punta della casa automobilistica specializzata in motori elettrici. Quali sono le peculiarità più importanti delle due auto in questione? Andiamo con ordine e partiamo dalla Model 3, una sportiva elettrica pensata anche per le famiglie, con una durata della batteria davvero notevole, e che già oggi viene apprezzata da tantissimi automobilisti.

E la Model Y? Oltre ai prezzi, appena svelati al grande pubblico, sarà un crossover compatto “figlio” della Model 3, visto che integrerà il 75% dei componenti già presenti in quest’ultima. Ci sarà anche un modello top gamma noto come “Performance”, con un prezzo di partenza che dovrebbe aggirarsi intorno ai 60 mila dollari.

I piani di Elon Musk per il futuro

Da Berlino allo spazio il passo è breve, almeno per Musk. Il futuro, per il CEO di Tesla, è spaziale. Il noto ed eclettico imprenditore, infatti, ha intenzione di puntare dritto su Marte con il progetto Space X, con lo scopo di colonizzare Luna e pianeta rosso.

Ovviamente il progetto è in piena evoluzione, ma il prototipo della Starship è già stato presentato al pubblico, con la sua altezza di 50 metri e un diametro che arriva a 9 metri. Musk non ha affatto nascosto la sua visione del futuro dell’umanità, che a suo dire è destinata a diventare una specie multi-planetaria, quindi votata alla colonizzazione di altri mondi e a quello che nel gergo sci-fi viene chiamato “Terraforming”.