Clima, temperature primaverili fino al 6 febbraio: “Poi ondata di gelo sull’Italia”

2

Torna l’inverno dopo il il 6 febbraio. Si rafforza l’ipotesi, ancora molto incerta fino a pochi giorni fa. Tutti i siti specializzati cominciano a delineare i contorni dello scenario (possibile, ma non certo). IlMeteo.it dice che “lo spostamento verso Nord dell’alta pressione potrebbe innescare un impulso gelido direttamente dal Circolo polare artico” e “potrebbe aprirsi una fase con clima molto freddo”. Per gli eventuali dettagli tutto rinviato ai prossimi giorni. 3bmeteo.com conferma che un’irruzione fredda punterà l’Italia nella prossima settimana. “Si tratterà di un affondo artico anche piuttosto massiccio, ma dalla durata ancora difficile da definire. In ogni caso i suoi progetti sembrano includere anche l’Italia”. Il crollo delle temperature – dicono gli esperti – potrebbe essere anche superiore ai 10 gradi.

Meteogiuliacci.it dice che il modello europeo Ecmwf conferma “una possibile irruzione artica che, scendendo rapidamente di latitudine, potrebbe colpire gran parte degli stati centro meridionali europei” e “vista l’attuale traiettoria dalla colata, anche le nostre regioni verrebbero coinvolte”. Insomma, si può almeno sperare nel ritorno della neve.

Nel corso del weekend l’anticiclone Nordafricano si avvicinerà di gran carriera all’Italia inondandola del suo alito caldo. Le temperature cominceranno un escalation a dir poco sbalorditiva, basti pensare che tra domenica 2 e lunedì 3 febbraio Milano toccherà i 15-16°C, Roma 18°C, mentre al Sud si supereranno i 20°C. Un clima decisamente anomalo, ma che ben presto muterà radicalmente d’aspetto. Il team del sito www.iLMeteo.it avvisa che il Centro Europeo prevede a partire dal 5 febbraio un totale cambio di circolazione atmosferica.

L’anticiclone delle Azzorre dall’oceano si innalzerà verso il Regno Unito e la Scandinavia e da qui si muoveranno impetuose correnti polari che ben presto raggiungeranno l’Italia. Sarà proprio tra il 5 e il 7 febbraio che si prevede un’irruzione di aria artica. Se ciò dovesse venire confermato il nostro Paese piomberebbe nell’arco di 24-48 ore in pieno inverno con la neve che potrebbe cadere fin sulle coste di Marche, Abruzzo e Molise