Scoperta Shock all’aeroporto della Malpensa, 41enne cubana fermata con un cranio e ossa in valigia

Scoperta Shock all’aeroporto della Malpensa, 41enne cubana fermata con un cranio e ossa in valigia. Gli addetti ai controlli negli aeroporti sono abituati a vedere e sequestrare le cose più strane infilate in valige e bagagli dai viaggiatori ma quanto accaduto lo scorso ottobre all’aeroporto della Malpensa, ma lo si è appreso solo oggi, è incredibile.

Una donna si è presentata agli imbarchi internazionali cercando di far passare un bagaglio con all’interno un cranio e ossa, 150 tra segmenti e frammenti. L’insolito bagaglio era nella valigia di una 41enne cubana, proveniente da Cuba. La donna è indagata dalla Procura di Busto Arsizio per distruzione, soppressione e sottrazione di cadavere. L’accusa contestata da Massimo De Filippo, sostituto della procura bustocca deriva dal fatto che gli esperti del dipartimento di Scienze biomediche dell’Università di Milano dopo una prima serie di esami parlano di ”compatibilità con l’essere umano”.

La conformazione del teschio non lascerebbe dubbi, ma soltanto l’analisi istologiche e biomolecolari potranno determinarne la specie, l’origine, l’età, la provenienza. C’è da stabilire se siano componenti di un unico corpo o se abbiano un Dna diverso. La notizia sulla incredibile scoperta e inquietante vicenda è trapelata solo ora. La donna al momento dell’apertura dell’insolito bagaglio ha sostenuto che erano ossa di scimpanzé. Al momento non si possono avanzare ipotesi, perché se fossero ossa umane potrebbero aprirsi scenari inimmaginabili che vanno dalla complicità in un omicidio al traffico di scheletri da vendere sul mercato nero per scopi tutti da individuare.



Altre Notizie