Virus Cina, sintomi trasmissione e consigli

26

Si chiama in gergo scientifico “2019-nCoV” ed è, più semplicemente, il nuovo coronavirus salito alla ribalta delle cronache mondiali di recente, dopo aver fatto la propria comparsa nella città cinese di Wuhan, nell’Hubei, lo scorso 24 dicembre. Il nome di questo virus rimanda alle precedenti epidemie di patogeni simili, come Sars (nel 2002-2003) e Mers (nel 2012), di cui ormai sono stati analizzati tutti gli aspetti. Di questo coronavirus, invece, si sa ancora poco anche se è già possibile tracciarne un primo e parziale identikit, partendo dagli aspetti comuni che caratterizzano i coronavirus.

I sintomi più comuni
Ma quali sono i sintomi più comuni di un’infezione da coronavirus nell’uomo? Gli esperti parlano di febbre, tosse, difficoltà respiratorie e, in alcuni casi più gravi, di un’infezione che può degenerare, causando polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e anche la morte. Entrando più nello specifico, i medici sottolineano come i coronavirus umani comuni di solito possano essere causa scatenante di malattie del tratto respiratorio superiore da lievi a moderate, come il comune raffreddore, della durata di pochi giorni. I sintomi, in questo caso, possono includere naso che cola, mal di testa, tosse, gola infiammata, febbre e più in generale una sensazione diffusa di malessere. In altri casi, poi, i coronavirus umani possono causare malattie del tratto respiratorio inferiore, come polmonite o bronchite. Questa situazione è più comune nelle persone con preesistenti patologie croniche dell’apparato cardio-vascolare oppure respiratorio, oltre a colpire più facilmente soggetti con un sistema immunitario indebolito, ovvero neonati e anziani.

La trasmissione del virus
Come si trasmettono questi virus? Gli esperti dicono che i coronavirus umani si trasmettono da una persona infetta a un’altra attraverso la saliva, tossendo e starnutendo oppure ancora attraverso contatti diretti personali, come ad esempio toccando o stringendo la mano della persona infetta e portandola alle mucose. Non solo, perché altri tipi di contatto possono generarsi toccando prima un oggetto o una superficie contaminati dal virus e poi portandosi le mani, non correttamente lavate, sulla bocca, sul naso o sugli occhi.

I consigli utili degli esperti
L’ISS, inoltre, spiega che è possibile ridurre il rischio di infezione, proteggendo se stessi e gli altri. Il metodo migliore è quello di seguire alcuni semplici accorgimenti come lavarsi spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni alcoliche per almeno 20 secondi, starnutire o tossire in un fazzoletto o con il gomito flesso, utilizzare una mascherina e gettare i fazzoletti utilizzati in un cestino chiuso immediatamente dopo l’uso, evitare di toccare gli occhi, il naso o la bocca con mani non lavate. Quindi ancora è preferibile evitare contatti ravvicinati con persone che sono malate o che mostrino i sintomi tipici delle malattie respiratorie, come tosse e starnuti in maniera continuativa. Infine gli esperti suggeriscono di fare attenzione alle pratiche alimentari, evitando carne cruda o poco cotta, frutta o verdura non adeguatamente lavate e le bevande non imbottigliate, pulendo e disinfettando spesso oggetti e superfici che possono essere state contaminate. A livello pratico poi, per alleviare i sintomi che dovessero verificarsi, assumere farmaci per i dolori muscolari, articolari e la febbre.