Coronavirus: A Ginevra un forum con 400 esperti mondiali

3

Il Coronavirus semina sempre più vittime. L’epidemia proveniente da Wuhan ha superato il numero dei morti della Sars e si estende in Europa. Il contenimento del virus resta l’obbiettivo principale, per questo motivo, si terrà dall’11 al 12 febbraio a Ginevra, organizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, un forum globale di ricerca e innovazione per mobilitare azioni internazionali in risposta al nuovo coronavirus (2019-nCoV). Lo riferisce il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, numero uno dell’Oms, con un annuncio su Twitter in cui scrive che “400 tra i maggiori esperti mondiali si riuniranno per dare la priorità al lavoro su tutti gli strumenti di cui abbiamo bisogno, tra cui diagnosi rapida, un vaccino e trattamenti efficaci”.

Il forum, si legge anche sul sito dell’Oms, riunirà attori chiave, tra cui scienziati di spicco, oltre che agenzie di sanità pubblica, ministeri della Sanità e finanziatori che intendono perseguire la ricerca sul nuovo coronavirus. I partecipanti discuteranno a proposito di diverse aree tematiche, tra cui l’identificazione della fonte del virus e la condivisione di campioni biologici e delle sequenze genetiche. L’incontro, stando nelle previsioni degli esperti, dovrebbe poi generare un’agenda di ricerca globale, per individuare quali progetti intraprendere per primi. Questo consentirà anche di accelerare lo sviluppo e la valutazione di efficaci test diagnostici, vaccini e medicinali, stabilendo allo stesso tempo meccanismi per ottenere prezzi accessibili alle popolazioni più vulnerabili. “Sfruttare il potere della scienza è fondamentale per tenere sotto controllo questo focolaio”, ha dichiarato proprio Tedros nei giorni scorsi. “Ci sono domande a cui abbiamo bisogno di trovare risposte e strumenti che dobbiamo sviluppare il più rapidamente possibile”, ha aggiunto.

Gli esperti si baseranno sugli argomenti di ricerca legati a coronavirus già esistenti come Sars e Mers e identificheranno lacune di conoscenza e priorità di ricerca al fine di accelerare le informazioni scientifiche e i prodotti medici più utili per ridurre al minimo l’impatto dell’epidemia 2019-nCoV. “Comprendere la malattia, i suoi serbatoi, la trasmissione e la gravità clinica e quindi sviluppare efficaci contromisure è fondamentale per il controllo dell’epidemia, per ridurre le morti e minimizzare l’impatto economico”, ha concluso poi la dottoressa Soumya Swaminathan, a capo degli scienziati dell’Oms.