Coronavirus, scuole chiuse in Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto fino al 7 marzo:

6

Scuole chiuse per un’altra settimana in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Il Paese, intanto, fa la conta dei danni economici causati dall’emergenza sanitaria. Il Ref Ricerche stima una diminuzione del Pil italiano compresa tra -1% e -3% nel primo e secondo trimestre 2020. Intanto Renzi critica la gestione della comunicazione sull’allarme epidemia.

Secondo gli esperti dell’Istituto superiore di Sanità, chiamati a esprimersi su questa possibilità, si tratta della decisione corretta: è saggio – avevano detto – prolungare di una settimana la chiusura nelle Regioni con i focolai, cioè in Lombardia, Veneto e Emilia-Romagna (Qui l’epidemiologo Demicheli spiega perché è necessaria una misura di questo tipo).

Dovrebbero invece riaprire le scuole nelle altre regioni che la settimana scorsa avevano deciso la chiusura preventiva: Piemonte, Liguria, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia. Il governatore della Liguria Giovanni Toti è pronto a riaprire ma solo se ci saranno le condizioni e la copertura del ministero della Salute.

Intanto, il decreto legge approvato venerdì sera dal Consiglio dei ministri introduce una norma del ministero dell’istruzione che deroga al limite dei 200 giorni minimi per la validità dell’anno scolastico nelle scuole chiuse per il Coronavirus.