Cosa succede a chi mangia carne cruda? Ecco tutti i rischi

5

Mangiare carne cruda è un comportamento alimentare che, a volte, può risultare poco igienico o addirittura rischioso. Non esiste un solo tipo di carne o di taglio per questa crudità: la carne cruda può essere servita al carpaccio, macinata, alla “tartara” (tritata finemente a coltello) o preparata in molte altre varianti. Inoltre, contrariamente a quanto si possa credere, la maggioranza della popolazione se ne alimenta in maniera sistematica; molti tipi di insaccati (salame, salsiccia secca, soppressata, finocchiona, zia ferrarese ecc.) – così come le carni salate (prosciutto crudo, speck, manzo essiccato, ciccioli secchi, capocollo, lonza, culatello, bresaola ecc.) – NON vengono trattati termicamente e subiscono esclusivamente alcuni processi di conservazione, tra questi: salatura, affumicatura, essiccamento, speziatura, disidratazione per pressatura ecc.

Rischi nel mangiare carne cruda
Più che dal punto di vista nutrizionale, mangiare carne cruda differisce da un’alimentazione a base di cibi cotti soprattutto per l’IGIENE degli alimenti.
E’ probabile che i lettori abbiano già sentito qualcuno SCONSIGLIARE ad una donna gravida di mangiare insaccati e carni salate o crude; il motivo è molto semplice: alcune bestie, in particolar modo suini ed uccelli (pollo, gallina, piccione ecc.), sono POTENZIALI portatori di agenti patogeni come parassiti, batteri e virus.

Sarebbe opportuno fare una classificazione accurata di tutte le possibilità di contagio differenziando la contaminazione batterica (generalmente indotta da un’infezione ma più spesso dalla cattiva macellazione o contaminazione crociata), da quella virale (meno diffusa ma non per questo meno pericolosa; il virus agisce in maniera specifica sulle cellule, pertanto molti virus nocivi verso una specie potrebbero risultare innocui per altre… ma non si tratta di una regola fissa) ed infine da quella imputabile ai parassiti (presenti direttamente nel tessuto muscolare come il toxoplasma, la tenia, la trichinella, l’ascaride o gli ossiuri; ma anche sopraggiunti nella carne macellata in un secondo momento come per l’ameba e la giardia).

Un discorso a sé stante riguarda il contagio da prioni; in breve, i prioni sono polipeptidi (catene di amminoacidi) che, per un motivo o per un altro, in un determinato momento ed apparentemente senza ragione, cambiano di struttura alterando la funzione del tessuto che vanno a costituire; i prioni maggiormente conosciuti e temuti sono quelli che danno origine alla “Bovine Spongiform Encephalopathy” (BSE), anche detta morbo della “mucca pazza“; questi sono costituenti del tessuto nervoso e la loro modificazione strutturale determina delle lesioni “spugnose” (fori e trabecole) nel cervello dell’animale e, con altissime probabilità, anche in quello dell’uomo. In quest’ultimo e negli altri casi sopra citati (salvo per le carni ampiamente contaminate da batteri “gram-“), la cottura uccide (o inattiva) l’agente patogeno scongiurando la maggior parte dei rischi del mangiare carne cruda.