Il potere terapeutico della musica allunga la vita

2

“Da Bach ai Led Zeppelin, ascoltare la musica preferita produce felicità e benessere in grado di allungare la vita in salute. La musica infatti si dimostra un prodigio: nei disturbi dell’umore, disagio psichico, depressione è efficace come i farmaci ansiolitici e antidepressivi”. I ricercatori della Comunità mondiale della longevità promuovono a pieni voti la musicoterapia, soprattutto nell’approccio medico riabilitativo. La nuova frontiera della neuroscienza ispirata all’arte dei suoni è stata oggetto di un convegno a Cagliari organizzato dalla stessa Comunità che studia i centenari insieme all’Istituto europeo di ricerca Ierfop e alla Società italiana di medici fisica riabilitativa, guidata da Mauro Piria.

“Accoppiata al canto, la musica è un toccasana nei deficit di lettura e apprendimento – spiega Roberto Pili, presidente della Cmdl – ma è nelle malattie neurodegenerative tipiche dell’invecchiamento, quali demenza e Parkinson, che dà il meglio di sé. La pratica musicale, specie se iniziata in giovane età , aumenta la cosiddetta ‘riserva cognitiva’, quel tesoretto di capacità e funzionalità cerebrale che in età anziana contrasta lo sviluppo della demenza”. “Stupefacenti – osserva il ricercatore – i risultati della musicoterapia nel Parkinson e nelle paresi.

Abbinare il movimento di questi malati a un brano musicale molto ritmato porta infatti a miglioramenti immediati”. “L’ascolto attivo della musica migliora lo stato mentale e fisico, predispone all’empatia e alla socializzazione, elementi che esaltano la qualità della vita, la fortificano, la allungano – argomenta ancora Roberto Pili – è un’esperienza formativa che investe e allena tutto il cervello, cabina di regia della vita, cervello che risponde attivando i centri della gratificazione, empatia, socialità, vera chiave di felicità e benessere, stati d’animo in grado di allungare l’aspettativa di vita di almeno 10 anni”.