Brasile: Assassinato un altro Guardiano dell’Amazzonia, difensore della terra indigena

8
Paulo Paulino Guajajara, Guardiano della Amazzonia ucciso da invasori nel 2019. © Sarah Shenker/Survival International

Zezico GuajajaraZezico Guajajara, Guardiano dell’Amazzonia, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco. Il suo assassinio arriva a meno di cinque mesi dall’omicidio di un altro guardiano indigeno, Paulo Paulino Guajajara. A renderlo noto sono le organizzazioni indigene e Survival International.

Survival Intenatonal, spiega, che “Le circostanze della morte di Zezico sono ancora poco chiare, ma i Guardiani sono stati presi di mira senza pietà dalle potenti mafie dei trafficanti di legname che sfruttano illegalmente i preziosi legni duri del territorio indigeno Arariboia, casa degli indigeni Guajajara e dei gruppi incontattati della tribù degli Awá”.

I Guardiani pattugliano la foresta per catturare i taglialegna illegali e mandarli via. È un lavoro molto pericoloso: sono già stati uccisi cinque Guardiani e i loro leader ricevono continue minacce di morte.

“Abbiamo perso un altro compagno guerriero, un uomo che difendeva la vita” ha commentato Olimpio Guajajara, coordinatore dei Guardiani. “Abbiamo il cuore spezzato. Stiamo piangendo la sua morte. Proteggiamo la foresta per tutta l’umanità, ma forze potenti ci aspettano là fuori per ucciderci. Perché tutto questo? Chi di noi sarà il prossimo? L’attuale governo è brutale e il suo razzismo sta incoraggiando più violenza contro di noi. Abbiamo visto che qui regna l’impunità, ma vogliamo che sia fatta giustizia e vogliamo che le persone di tutto il mondo si schierino al nostro fianco.

L’elezione del presidente Bolsonaro ha dato forza a trafficanti di legname, imprenditori agricoli, minatori e altri. Bolsonaro vuole infatti aprire le terre indigene allo sfruttamento e ha incoraggiato attivamente la loro invasione.

“Zezico era così pieno di energia e ha combattuto senza paura per proteggere la foresta e migliorare la vita della sua gente” ha dichiarato Sarah Shenker, ricercatrice di Survival che conosceva bene Zezico. “I trafficanti di legname stanno cercando disperatamente di sbarazzarsi dei Guardiani, prendendoli di mira uno per uno. Mentre l’attenzione mediatica è focalizzata sulla pandemia da coronavirus, gli indigeni continuano a combattere in prima linea per salvare le foreste del mondo per le loro famiglie, per le tribù incontattate e per tutta l’umanità. Hanno bisogno che la gente li sostenga ovunque, ora più che mai.