Coronavirus: ci sono rischi per la pelle?

38

Trai sintomi del Coronavirus non ci sono disturbi connessi al benessere della pelle. Il lavaggio frequente della mani potrebbe però indebolire il film idrolipidico cutaneo, favorendo la comparsa di pelle più secca, desquamata, arrossata e irritabile. Per questo durante questo periodo è necessario prestare particolare attenzione alle mani idratandole con creme emollienti e restitutive a base di acido ialuronico, quando si tratta di cute più giovane e resistente. Mentre in caso di pelle sensibile e matura, l’ideale è applicare formulazioni con fosfolipidi e glucosamina (fospidina) che intervengono per favorire i naturali processi di riparazione e rigenerazione della cute.

Una crema mani con fospidina unisce quindi all’azione idratante quella rigenerante e antiaging. Ottime anche le formulazioni naturali con burro di karitè, olio di cocco, olio di mandorle dolci o le texture in del con aloe vera. Chi invece soffre di particolari allergie è bene che eviti l’utilizzo di creme profumate.

Per chi soffre invece di psoriasi sulle mani è opportuno chiedere consiglio al proprio dermatologo per non rinunciare alle corrette norme igieniche, ma allo stesso tempo cercare di limitare il peggioramento dell’inestetismo.

Non sono noti al momento effetti del Coronavirus sulla pelle. Alcuni pazienti domandano se possa causare prurito o dermatite, ma al momento non ci sono casi accertati. Causa del peggioramento di alcune patologie cutanee in questo momento, può essere lo stress. Essere in ansia a causa della situazione, può aumentare i sintomi della seborreea, della psoriasi e può favorire la comparsa di sfoghi e arrossamenti cutanei localizzati. Mai come in questo momento è importante mantenere la calma per quanto possibile.