Zaia: “Via il limite 200 metri per l’attività motoria in Veneto”

27

“Da martedì il ‘lockdown’ non esiste più, con la nuova ordinanza la strategia cambia. Il testo si concentrerà sui dispositivi più che su alcune restrizioni”. E’ arrivato il Lunedì di Pasquetta e la Regione Veneto ha reso noto il decalogo in vigore. Via il divieto dei 200 metri da casa, ma obbligo generalizzato di usare mascherine e guanti. “Sono queste le regole di un lockdown soft, morbido.

‘Per gli spostamenti da casa propria devono essere utilizzati mascherine, o qualsiasi altro dispositivo idoneo per la protezione di naso e bocca, i guanti o gel igienizzanti. Nel trasporto pubblico lo prevediamo già”. Lo ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia in diretta Facebook, aggiungendo che “si potrà fare attività motoria da soli, tolto il limite dei 200 metri, ma vicino casa”. ”L’attività motoria è individuale e deve svolgersi in prossimità della propria abitazione – precisa -.

Ho tolto i 200 metri, è un atto di grande fiducia. Quindi vicino alla propria abitazione, non distanti 4 chilometri. Il raggio medio è quello del buon senso”. ”L’ordinanza è in vigore alle 24 di oggi fino al 3 maggio, è un atto di grandissima fiducia verso i veneti. Il più grande errore è abbassare la guardia. Oggi i dati sono incoraggianti ma una rondine non fa primavera”.

”Le uscite di casa devono essere esclusivamente individuali, salvo accompagnamento per necessità di disabili o minori di 14anni. Ma in ogni caso deve essere rispettato il distanziamento sociale. E’ vietata l’uscita di chi presenta una temperatura superiore a 37.5. Se ti ferma la polizia e sei febbricitante è un reato”.