Coronavirus, l’Oms avverte: “Il virus potrebbe anche non scomparire mai come l’Aids”

1054
Doctors holding samples and talking in hospital, coronavirus concept.

Il Covid-19, come l’Hiv, potrebbe diventare un virus endemico nelle nostre comunità e non scomparire mai. E comunque l’allarme pandemia è destinato a durare ancora a lungo. Le indicazioni arrivano dall’Oms per bocca di Mike Ryan, capo del programma di emergenze sanitarie dell’Organizzazione mondiale della Sanità.”Abbiamo un nuovo virus che entra nella popolazione umana per la prima volta e quindi è molto difficile prevedere quando riusciremo a prevalere su di esso”. Lo ha detto Mike Ryan, capo del programma di emergenze sanitarie dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità. Anche l’Hiv non è scomparso “Questo virus potrebbe diventare solo un altro virus endemico nelle nostre comunità e potrebbe non scomparire mai.

L’Hiv non è scomparso. Non sto confrontando le due malattie, ma penso sia importante che siamo realistici. Non credo che nessuno possa prevedere quando o se questa malattia scomparirà”, ha aggiunto, spiegando che il Covid-19 potrebbe anche fondersi con altri virus che compaiono ogni anno. Si spera in un vaccino Con un vaccino “potremmo avere una possibilità di eliminare questo virus, ma quel vaccino dovrà essere disponibile, dovrà essere altamente efficace, dovrà essere reso disponibile a tutti e dovremo usarlo”.

Sarà pandemia a lungo L’Oms avverte che “c’è ancora molta strada da fare” prima che il Covid-19 non venga più considerato pandemia. Il direttore generale dell’Agenzia, Tedros Adhanom Ghebreyesus, esorta “a mettere da parte la politica e dare la priorità alla pace, un cessate il fuoco globale per porre fine a questa pandemia insieme”. “La pandemia – ha sottolineato da parte sua il capo dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus – evidenzia l’urgente necessità che tutti i Paesi investano in sistemi sanitari forti e nell’assistenza sanitaria di base come migliore difesa contro focolai come il Covid-19 e contro le molte altre minacce per la salute che le persone in tutto il mondo affrontano ogni giorno”. Proprio il tema del rafforzamento dei sistemi sanitari, insieme con l’emergenza coronavirus, sarà al centro della 73esima sessione della World Health Assembly in programma nel quartier generale di Ginevra dal 17 al 21 maggio.