Galli: “Attenzione, in Lombardia i casi positivi sono tamponi arretrati”

2304

Secondo l’Infettivologo Galli: “In Lombardia i casi positivi sono tamponi arretrati”. Quello che stiamo vedendo adesso è in larghissima misura, per la quasi totalità, qualcosa che è avvenuto parecchio prima”.

“Sono i tamponi arretrati che molte persone hanno chiesto di avere e hanno finalmente avuto, anche perché magari già manifestavano da un po’ di tempo sintomi abbastanza inequivocabili”. “Abbiamo avuto un problema di restrizione diagnostica, continua Galli, che adesso mette abbastanza in confusione chi vede i dati prodotti della Lombardia che vedono per forza un aumento dei casi segnalati. Che questo però sia effettivamente l’esplosione di nuovi focolai successivi alla riapertura francamente, per gli elementi che abbiamo in mano, non mi sento di poterlo affermare”.

“Il virus secondo me non è meno aggressivo – continua l’infettivologo -, ma quella che stiamo vedendo è la coda di un’epidemia che ha visto la parte centrale e peggiore dell’epidemia stessa essersi già espressa. Abbiamo una situazione della malattia meno potente non perché si sia indebolito il virus, ma perché si sono selezionati nel tempo i pazienti”. Ora, spiega, “l’85% abbondante delle persone che hanno questa infezione ce l’hanno a casa loro con sintomi che vanno dal decisamente fastidioso all’assenza di sintomi e in una condizione di questo genere è difficile poter dire che quelli che non hanno avuto una malattia conclamata abbiano un virus attenuato e quelli che invece hanno avuto la malattia conclamata abbiano un virus cattivo. Probabilmente è molto diversa la risposta individuale di ognuno, legata all’età e a numerosi altri fattori individuali”.