Infuso al rosmarino per dimagrire fai da te

3957

Se siete amanti degli infusi, vi trovate nel posto giusto. Oggi vi parleremo dell’infuso al rosmarino, considerato tra le erbe aromatiche e officinali più diffuse in tutta l’area del Mediterraneo. Appartenente alla famiglia delle Laminaceae, è legato alla nostra storia da tante leggende e curiosità.

Si tratta di un arbusto sempreverde, dalle foglie caratteristiche a forma di ago, molto profumate e aromatiche. Nota fin dai tempi antichi per le sue proprietà benefiche, di questa pianta, vengono utilizzate le foglie e i rametti per scopi curativi, estetici e non solo.

Già i Greci e gli antichi Egizi sfruttavano le foglie del rosmarino per i dolori articolari e muscolari, ma anche per disinfettare e profumare gli ambienti. E’ comprovato, inoltre, che i rametti di questa preziosa pianta abbiano il potere di contrastare l’invecchiamento cellulare, di stimolare la memoria, la concentrazione e tutte le attività celebrali.

La pianta contiene ferro, calcio, vitamina C e B6, favorisce le funzioni gastrointestinali e la digestione, aiutando fegato e cistifellea.

I fiori, in particolare, hanno proprietà antibiotiche che aiutano a combattere le infiammazioni e le infezioni intestinali.

Grazie a tutte queste virtù, il rosmarinus officinalis è da considerarsi il principe nelle preparazioni di erboristeria e non solo: grazie al suo aroma e profumo, infatti, è capace di rendere gli alimenti grassi più digeribili e leggeri.

Assunto con regolarità, e in dosi adeguate, quindi, il rosmarino è un alleato indispensabile per il benessere di tutto il nostro organismo.

Vediamo come sfruttare al meglio tutte le sue proprietà benefiche da solo, o insieme ad altri ingredienti naturali.

Come preparare un infuso al rosmarino

La preparazione di un infuso, o una tisana calda, costituisce una delle ricette più semplici e immediate per sfruttare al meglio le proprietà benefiche e curative del rosmarino.

L’assunzione di bevande preparate con gli ingredienti naturali, costituisce una buona abitudine che ci consente di mantenere il nostro benessere.

Basta portare l’acqua ad ebollizione e aggiungere un cucchiaio di aghi essiccati, o un paio di rametti della pianta, in infusione nel pentolino a fuoco spento, o direttamente nella tazza.

Per limitare la dispersione dei nutrienti volatili, vi consigliamo di coprire il recipiente e bere il decotto dopo pochi minuti, non appena raggiungerà una temperatura apprezzabile.

In alternativa, potete sfruttare le proprietà balsamiche di questa pianta e inspirare il vapore dell’infuso appena preparato, per avere sollievo dai malanni stagionali, come, per esempio, raffreddore e tosse.

L’infuso di rosmarino, consumato con regolarità, aiuta l’organismo:

  • combatte i radicali liberi
  • stimola la memoria
  • coadiuva il fegato
  • contrasta l’invecchiamento della pelle
  • contrasta l’imbiancamento e la caduta dei capelli.

Nell’orto delle piante officinali, è bene avere sempre a disposizione questa preziosa pianta. Vi diamo alcuni consigli per sfruttare al meglio tutti i benefici delle foglie di rosmarino, sia fresche che essiccate.

Infuso al rosmarino per dimagrire

Abbiamo visto come il rosmarino aiuti il nostro corpo a mantenersi in salute e giovane, ma questa pianta può aiutarci anche a perdere peso, quando è abbinato a una dieta equilibrata.

Innanzitutto, dobbiamo chiarire che, nonostante le sue innumerevoli proprietà benefiche, il rosmarino non è un pianta magica e quindi non basta assumerlo quotidianamente per dimagrire, pur mangiando in maniera sregolata.

Il rosmarinus officinalis ha proprietà drenanti e favorisce la diuresi, abbassa il livello di glucosio nel sangue e quindi offre un valido aiuto per chi soffre di diabete e, come abbiamo già accennato, aiuta la funzionalità epatica e lo smaltimento delle tossine.

Quindi, l’infuso di rosmarino, abbinato a una alimentazione equilibrata e a uno stile di vita sano, aiuta senza dubbio il nostro organismo, evitando il gonfiore dovuto alla ritenzione idrica.

Grazie alle sua azione coadiuvante per la digestione, la tisana al rosmarino, assunta dopo i pasti più pesanti, ha un effetto benefico riducendo il senso di pesantezza allo stomaco. Particolarmente indicato per i problemi di stomaco, il tonico digestivo di rosmarino e salvia favorisce la rimozione delle tossine del fegato.

Come preparare un infuso al rosmarino

La preparazione di un infuso, o una tisana calda, costituisce una delle ricette più semplici e immediate per sfruttare al meglio le proprietà benefiche e curative del rosmarino.

L’assunzione di bevande preparate con gli ingredienti naturali, costituisce una buona abitudine che ci consente di mantenere il nostro benessere.Basta portare l’acqua ad ebollizione e aggiungere un cucchiaio di aghi essiccati, o un paio di rametti della pianta, in infusione nel pentolino a fuoco spento, o direttamente nella tazza.

Per limitare la dispersione dei nutrienti volatili, vi consigliamo di coprire il recipiente e bere il decotto dopo pochi minuti, non appena raggiungerà una temperatura apprezzabile. In alternativa, potete sfruttare le proprietà balsamiche di questa pianta e inspirare il vapore dell’infuso appena preparato, per avere sollievo dai malanni stagionali, come, per esempio, raffreddore e tosse.

L’infuso di rosmarino, consumato con regolarità, aiuta l’organismo:

  • combatte i radicali liberi
  • stimola la memoria
  • coadiuva il fegato
  • contrasta l’invecchiamento della pelle
  • contrasta l’imbiancamento e la caduta dei capelli.

Il rosmarino è controindicato per tutte quelle persone che soffrono di disturbi epilettici. Infatti, sopratutto nel caso in cui non si mantenga l’estrema attenzione e prudenza sul quantitativo da assumere, ma si ecceda con il dosaggio, il rosmarino può essere la causa di irritazioni, convulsioni e vomito.