Il miracoloso olio di Neem: proprietà benefiche e utilizzi

2246

L’olio di Neem, è caratterizzato da oltre 40 principi attivi, utilissimi sostegni per la nostra salute. Ha proprietà antinfiammatorie, antibatteriche, antivirali, antiseborroiche, astringenti, lenitive e non è gradito agli insetti. Utile sia per l’uomo che per le piante e gli animali. Ottimo per l’igiene orale, ha effetto sbiancante sui denti.

Contrasta psoriasi e scottature. Rinforza le unghie. Ha ottime proprietà antietà grazie al suo potere idratante in profondità ed all’alto contenuto in acidi grassi omega-6, omega-9 e vitamina E, fortemente antiossidanti che contrastano i radicali liberi. Il Neem è conosciuto in India come “l’albero capace di curare tutte le malattie”, tanti sono i benefici portati dal suo olio e tanti sono i casi in cui può dare ottimi risultati, tra cui dolori articolari, ematomi, acne, screpolature della pelle, dei capezzoli e delle labbra, eczemi, edemi, emorroidi, forfora, foruncolosi, geloni, igiene intima, herpes, irritazioni della pelle, post-depilazione, pedicelli, pediculosi, piede d’atleta, prurito, psoriasi, punture di insetti, scottature, strappi muscolari, rinforzo delle unghie ed ammorbidimento delle pellicine, vene varicose, verruche e massaggi rilassanti.

L’olio di Neem è antichissimo, come i suoi utilizzi. Esso è considerato fra gli oli vegetali, uno dei più preziosi che madre Natura ci ha offerto. Ce lo ha tramandato la medicina ayurvedica indiana che per prima ne scoprì e poi ne utilizzò le innumerevoli proprietà curative in svariate preparazioni erboristiche e cosmetiche. Da sempre l’olio di Neem è considerato uno dei rimedi naturali più efficaci per il trattamento di svariate patologie e affezioni comuni, per la cura del corpo e della pelle.

In India, è noto da sempre con il nome arishta che vuol dire ‘albero capace di curare tutte le malattie’; mentre gli arabi lo ribattezzarono shajar–e–mubarak che significa albero benedetto.

L’olio di Neem si ricava dalla spremitura a freddo dei frutti e dei semi dell’azadirachta indica, una pianta sempreverde appartenente alla famiglia delle Meliaceae diffusa in India e Birmania, ma ormai coltivata in varie regioni tropicali per i molteplici utilizzi e applicazioni che trovano applicazione nell’industria farmaceutica e cosmetica moderna.

Contiene infatti oltre 40, principi attivi fra questi è antinfiammatorio, antisettico, antiparassitario e antifungino, tanto da essere un potente alleato per debellare fino a 14 tipi di funghi, utile per curare laringiti, bronchiti, faringiti, otiti, infezioni gastro-intestinali, micosi, ma anche per proteggere le piante e gli animali dagli attacchi parassitari e per fare da antiacaro naturale.

In funzione dell’azione antinfiammatoria, favorita dai limonoidi e dalle catechine, è un rimedio molto efficace per la cura di artriti, reumatismi, crampi, dolori muscolari e articolari, strappi e contratture: unito a qualche goccia di olio di mandorle o di calendula, può essere massaggiato direttamente sulla pelle per alleviare questi fastidi e come cicatrizzante, esfoliante e ricostituente dei tessuti in caso di eczemi, acne, dermatiti, psoriasi e piccole ferite.

Anche in campo cosmetico l’olio di Neem vanta un curriculum di tutto rispetto. Questo perchè è uno degli olii vegetali più ricchi di acido oleico e stearico, che gli conferiscono spiccate proprietà eudermiche. Favoloso come idratante, emolliente, per la cura della pelle secca e per quella dei capelli, può essere addizionato a diversi prodotti come saponi liquidi antibatterici, shampoo (come rimedio naturale contro forfora e pidocchi), bagnoschiuma idratanti e antiossidanti.

E questi sono solo alcuni degli innumerevoli utilizzi che quest’olio ‘magico’ che nel corso del tempo gli hanno fatto guadagnare la fama di elisir di salute e benessere in ogni angolo del Pianeta.