Oms, covid-19: salute mentale a rischio

49
Young woman resting on armchair at home by the window

La salute mentale è a rischio a causa della pandemia di coronavirus: Isolamento, paura, crisi economica producono danni psicologici. Lo rileva Devora Kestel, direttrice del dipartimento salute mentale dell’Oms presentando un rapporto Onu sul tema.

“L’isolamento, la paura, l’incertezza, le turbolenze economiche, tutti questi elementi causano o potrebbero causare sofferenze psicologiche”, ha aggiunto, giudicando probabile un aumento dei casi di malattie mentali, questione che i governi dovrebbero mettere “in primo piano”.

“La salute mentale e il benessere di intere società sono state gravemente colpite da questa crisi e sono una priorità da affrontare con urgenza”, ha detto la funzionaria dell’Oms ai giornalisti durante un briefing. Il rapporto dell’Onu, con linee guida su Covid-19 e malattie mentali, ha messo in evidenza diverse aree del mondo e parti di società vulnerabili al disagio mentale, inclusi bambini e giovani isolati da amici e dalla scuola, operatori sanitari che vedono migliaia di pazienti infettati e che muoiono per il coronavirus.

Tra i disturbi rilevati dagli esperti di salute mentale legati alla pandemia vi sono ansia, attacchi di panico, mal di stomaco, depressione, insonnia e molto altro ancora. Sono tutte condizioni esasperate non solo dalla paura del contagio, ma anche delle misure di contenimento (quarantene e lockdown) che hanno limitato fortemente le libertà personali. Un impatto devastante lo stanno avendo anche le preoccupazioni legate ai problemi economici, con un numero significativo di persone che ha perduto il lavoro, che non ha più mezzi di sussistenza per la propria famiglia. Molti di coloro che hanno un’attività commerciale non sanno se e come sarà ancora in grado di offrire un reddito dignitoso e sostenibile.