Alito puzzolente, cosa devi fare, cure e rimedi naturali

4633

La scarsa igiene orale, il cibo incastrato tra i denti, le malattie gengivali e la carie contribuiscono a provocare l’alito cattivo. Questo sgradevole sintomo è causato dal ristagno interdentale di residui alimentari degradati dai batteri della placca; un dente cariato, ad esempio, può trasformarsi in un piccolo serbatoio di detriti alimentari, che come tutte le sostanze organiche in via di decomposizione producono cattivi odori.

Alito puzzolente, cosa devi fare

  • Bere molta acqua e mantenere la bocca umida. L’acqua e la saliva contribuiscono a ripulire il cavo orale e i denti, facilitando la rimozione e l’allontanamento dei batteri
  • Lavare i denti immediatamente dopo il risveglio. Al mattino, l’alitosi è un fenomeno particolarmente comune a causa della fisiologica riduzione del flusso salivare. Per questo motivo, si raccomanda l’utilizzo di dentifricio e spazzolino al risveglio
  • Prestare particolare attenzione all’igiene orale:
  • Lavarsi i denti almeno tre volte al giorno e dopo ogni spuntino
  • Dopo aver accuratamente spazzolato i denti con dentifricio e spazzolino, sciacquare la bocca con colluttori delicati e rinfrescanti
  • Utilizzare il filo interdentale almeno una volta al giorno
  • Ricordiamo brevemente che una delle forme più comuni di alito cattivo dipende dalla scorretta igiene orale
  • Utilizzare dentifrici arricchiti in fluoro per prevenire la formazione di carie, possibile causa di alitosi
  • Masticare lentamente e a lungo favorisce la digestione degli alimenti
  • Assumere caramelle e chewingum balsamici senza zucchero è un ottimo rimedio per mascherare l’alitosi. L’effetto “terapeutico” anti-alito-cattivo di gomme e caramelle balsamiche è potenziato dalla loro capacità di stimolare le secrezioni salivari
  • Per allontanare efficacemente l’alitosi, è necessario estirpare alle radici la malattia che l’ha originata. Prima di intraprendere qualsivoglia rimedio contro l’alitosi, si raccomanda vivamente il consulto del medico

Alito puzzolente cosa non devi fare

  • Fumare. Anche il fumo è un nemico dell’alito fresco. Le tossine in esso contenute, infatti, conferiscono all’alito un odore particolarmente sgradevole; inoltre, il fumo favorisce la secchezza delle fauci, aggravando l’alitosi
  • Utilizzo smodato di colluttori e sostanze antisettiche (disinfettanti). Sia la scarsa igiene dentale, sia l’eccessivo utilizzo di questi prodotti incidono negativamente sulla freschezza dell’alito. Quest’affermazione è spiegata dalla presenza degli oli essenziali nei colluttori: tali sostanze, esercitando la propria funzione astringente, finiscono col ridurre la salivazione e favorire l’alitosi
  • Digiunare. Il digiuno NON è un buon rimedio contro l’alitosi
  • Utilizzare colluttori formulati con estratti di chiodi di garofano (eugenolo). Il suo olio essenziale, infatti, vanta un potere altamente astringente, responsabile della riduzione della salivazione. Per questa ragione, l’utilizzo di colluttori simili non è considerato un valido rimedio contro l’alitosi
  • Bere alcolici: anche l’alcol può favorire l’alitosi
  • Masticare poco e velocemente
  • Abbuffarsi: anche le abbuffate sono nemiche dell’alitosi. L’organismo, infatti, trovandosi un ammasso esagerato di cibo nello stomaco, tende a rallentare tutti i meccanismi digestivi e, come sappiamo, la difficoltà digestiva favorisce l’alitosi

Alito puzzoluente, cure e rimedi naturali

La fitoterapia ricopre un ruolo di prestigio nella prevenzione e nel trattamento dell’alitosi (soprattutto quella di tipo fisiologico):

  • Avocado (Persea Gratissima): rimedio naturale indicato per trattare l’alitosi dipendente da disturbi gastro-intestinali. Pur essendo dotato di proprietà diuretiche, l’avocado è indicato come rimedio contro l’alitosi per le proprie capacità digestive e per la sua ricchezza in fibre
  • Preparare un bicchiere di acqua calda con 1 cucchiaino di aceto di mele (l’acidità dell’aceto favorisce la digestione) + 1 cucchiaino di miele (sostanza corrigens, ovvero in grado di migliorare e correggere il gusto).
  • Colluttori formulati con sostanze disinfettanti ed antibatteriche (oli essenziali):
    • Limone (Citrus limon)
    • Mandarino (Citrus nobilis)
    • Arancio amaro (Citrus aurantium)
  • Colluttori formulati con sostanze ad azione balsamica e rinfrescante:
    • Menta (Mentha piperita)
    • Eucalipto (Eucalyptus globulus)
  • Tisane digestive e stimolanti le secrezioni salivari e biliari:
    • Finocchio (Foeniculum vulgare)
    • Anice (Pimpinella anisum)
    • Decotto di cumino dei prati (Carum carvi): proprietà digestive, utile rimedio naturale contro l’alitosi dipendente da disturbi gastrici
  • Piante aromatiche come salvia (Salvia officinalis), rosmarino (Rosmarinus officinalis) e prezzemolo (Petroselinum sativum)