Caldo in arrivo? sopravvivere al caldo in città senza aria condizionata

176

In Italia non è ancora arrivato il caldo africano oltre i 40° C che generalmente viene accompagnato da un tasso di umidità insopportabile, ma come si dice sempre, prevenire è meglio che curare e piuttosto che aspettare che la nostra casa si surriscaldi facendoci passare notti insonni, meglio correre ai ripari.

Ovviamente la maggior parte di noi possiede un condizionatore, ma di questi tempi, considerando le ultime notizie legate all’uso dell’aria condizionata e della diffusione del Coronavirus, potremmo essere particolarmente scettici nell’accenderlo.

Non usufruire della fresca brezza del condizionatore porta anche a risparmiare parecchio sulla bolletta della corrente (questa invenzione per rinfrescare casa senza il condizionatore vi stupirà): ci sono in effetti diversi altri modi affinché non si raggiungano temperature proibitive tra le mura domestiche, a cominciare dall’uso appropriato e intelligente dei ventilatori elettrici o delle pale sul soffitto.

Sapete che devono sempre girare in senso antiorario? In questo modo, infatti, l’aria fredda – più pesante di quella calda – verrà messa in circolo regalandovi un po’ di ristoro. Attenzione, però, a non usare i ventilatori se all’esterno la temperatura supera i 35°C: anche se sentite più fresco, la temperatura corporea con questo metodo non sta scendendo affatto.

Un’altra strategia contro il caldo in casa è quella di abbassare le persiane o tirare giù le tende da sole o ancora utilizzare tende interne scure: circa il 76% della luce solare che passa attraverso le finestre a doppio vetro diventa calore, ma con questo piccolo accorgimento la temperatura di casa rimarrà accettabile.

Oppure si possono ricoprire le finestre con un pannello riflettente, usando per esempio della carta di alluminio, per evitare che i raggi solari penetrino all’interno di casa. Fondamentale, inoltre, rimanere sufficientemente idratati durante i periodi più caldi: tenete dell’acqua fredda sempre in frigorifero e ricordate di bere almeno due litri al giorno e non aspettate di avere sete. Bere acqua fredda non solo contribuirà a mantenere ottimali i livelli di liquidi nell’organismo, ma farà scendere la temperatura interna dandoci una bella sensazione di refrigerio. Va da sé, infine, che è bene evitare gli alcolici – che fungono da diuretici – e fare incetta di cibi freschi come frutta e verdura.