Latte e cereali a colazione? occhio danneggiano la salute

1920
Soybean Milk and stone mill

Latte e cereali è una colazione semplice e molto diffusa: abbastanza saziante e apparentemente sana, mette d’accordo grandi e piccoli e permette a tutti di seguire il mantra di non saltare la colazione del mattino, uno dei pasti fondamentali della giornata.

Il problema però è che latte e cereali è una colazione ad altissimo tasso di zuccheri: il latte è dolce di per sè e spesso viene dolcificato e i cereali, di qualunque marca e tipo, sono molto ricchi di zuccheri (tanto da essere in genere sconsigliati nelle diete ipocaloriche).

Anche se non siete a dieta, latte e cereali non sono comunque una  buona idea: potreste infatti avere un aumento repentino della glicemia e non rendervene conto, anche se non soffrite di diabete. Una ricerca scientifica portata avanti dalla Stanford University School of Medicine ha infatti dimostrato che su un campione di 57 persone, l’80% aveva un picco di glicemia dopo aver fatto colazione con latte e cereali. Tra questi, nessuno sapeva di avere questo problema perchè l’analisi fatta a stomaco vuoto dava comunque esito positivo e valori nella norma.

Il picco glicemico può essere sia un segnale precoce di una malattia che si manifesterà più avanti o anche solo una conseguenza di quello che si mangia: in tutti i casi porta ad una produzione eccessiva di insulina che tende a causare sovrappeso ed obesità.

Per colazione quindi meglio scegliere alimenti a più basso impatto glicemico, come pane tostato o fette biscottate integrali con marmellata: in questo modo si accontenta il palato e la glicemia resta nei ranghi.