Patatine McDonald’s, ecco come vengono preparate

3830

In America le chiamano french fries e sono uno degli alimenti più consumati nei fast food. Parliamo delle patatine fritte, immancabili accanto a un buon hamburger. Tradizionalmente, saremmo portati a credere che per prepararle non servano che patate, olio e sale, ma questa è una ricetta che va bene se le cuciniamo in casa.

Quando, invece si parla di una multinazionale come McDonald’s, gli ingredienti per preparare le patatine fritte diventano 9, che lievitano a 19 nei ristoranti USA. A rivelarlo è la stessa catena di fast food che, tempo fa ha avviato una campagna di comunicazione volta alla trasparenza sui prodotti utilizzati nelle sue cucine.

Per la capillare attività mediatica, finalizzata a riavvicinare i consumatori sempre più orientati verso un’alimentazione più salutare, era stato ingaggiato anche un conduttore televisivo piuttosto famoso negli States, Grant Imahara. È proprio lui, in uno dei video realizzati nella campagna pubblicitaria, a elencare i 19 ingredienti delle patatine fritte di McDonald’s.

Curiosi di sapere come sono fatte? Spulciamo insieme l’incredibile elenco di ciò che viene utilizzato sia in fase di preparazione che in fase di cottura (per questo qualche ingrediente viene ripetuto):

  1. Patate
  2. Olio di colza
  3. Olio di semi di soia
  4. Olio di semi di soia idrogenato
  5. Aroma naturale di carne
  6. Grano idrolizzato
  7. Latte idrolizzato
  8. Acido citrico
  9. Dimetilsilossano
  10. Destrosio
  11. Pirosfato acido di sodio
  12. Sale
  13. Olio di colza
  14. Olio di semi di mais
  15. Olio di semi di soia
  16. Olio di semi di soia idrogenato
  17. Terz-butil-idrochinone
  18. Acido citrico
  19. Dimetilsilossano

Diversa, invece, la ricetta che viene seguita nei ristoranti italiani della multinazionale. Le patatine fritte McDonald’s che vengono vendute in Italia sono preparate con soli – si fa per dire – 9 ingredienti.  Nel nostro paese ci si limita a usare patate, olio di girasole, olio di colza, destrosio e stabilizzante difosfato disodico per trattare le patatine, e altro olio di girasole e olio di colza, più l’antischiumante E900 e il sale iodato per la frittura.