Francesca Pascale, bye bye Berlusconi: “buonuscita” da 20 milioni di euro e un milione l’anno di mantenimento

395

A quattro mesi dalla fine della relazione, Francesca Pascale, l’ex fidanzata di Silvio Berlusconi, avrebbe ricevuto dal leader di Forza Italia una “buonuscita” di 20 milioni di euro. Secondo le indiscrezioni pubblicate dal settimanale “Oggi”, la 35enne si sarebbe inoltre accordata con l’ex premier per una sorta di assegno di mantenimento di un milione di euro l’anno.

Tra il leader di Forza Italia e l’ex consigliera di Fi nella Provincia di Napoli era finita nel marzo scorso, in piena depressione da lockdown. Con la Pascale rimasta sola nella sua villa della Brianza, mentre scopriva dalle solite foto rubate ad arte, che l’ex premier era volato in montagna con un’altra fiamma, la deputata Marta Fascina (anche lei originaria del napoletano). Il presidente aveva liquidato tutto con quattro paroline, per Francesca insopportabilmente cortesi: “Le vorrò sempre bene”. Di contro, Francesca lo aveva avvertito, tra una zampata e una lacrimuccia. Lui, aveva precisato, cioè Silvio Berlusconi, “mi ha sempre trattato come una regina”. Ergo: adesso voglio lo stesso tenore di vita. E così sia, o quasi, stando alla ricostruzione annunciata da Oggi.

Adesso non potrò certo tornarmene a casa, alla mia vecchia vita, ho dedicato al presidente i miei migliori anni, da quando ero una ragazzina”,  è quello che ha confidato ai suoi più stretti collaboratori, e legali. Così Pascale ha strappato quasi 2 milioni all’anno, per ciascuno dei dieci anni di convivenza ufficiale. Più quell’assegno che le verrà versato annualmente. Più, a quanto sembra, ancora per molto tempo il domicilio in quella dimora con giardino – battezzata Villa Maria – a Casatenovo in Brianza, fatta realizzare apposta secondo i gusti dell’allora fidanzata, con palestra, saloni, prato inglese dove far scorrazzare i suoi cani.