Reati per induzione in schiavitù e sessuali in danno di minori, scoperta “psicosetta” nel Novarese

92

Una potentissima “psicosetta”, con base operativa a Novara, è stata scoperta al termine di una complessa indagine dalla Polizia di Stato, che nella notte ha eseguito, in collaborazione con il Servizio Centrale Operativo, 26 perquisizioni personali e 21 perquisizioni locali oltre che nella città piemontese, anche a Milano, Genova e Pavia.

L’operazione “Dioniso”, scattata al termine di due anni di attività investigativa coordinata dalla procura della Repubblica di Torino-Direzione distrettuale Antimafia, ha consentito di accertare che gli adepti della setta, prevalentemente di sesso femminile ma con a capo un uomo, oggi 77enne, si sono resi responsabili del reato di associazione per delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù e alla commissione di numerosi e gravi reati in ambito sessuale, anche in danno di minori.