Bicarbonato di sodio per sbiancare i denti, funziona davvero!

226

Il Bicarbonato di Sodio viene ampiamente utilizzato per sbiancare i denti, rimuovendo le macchie e rendendoli più bianchi e lucenti, sia in ambito professionale (presso gli studi dentistici) che in quello prettamente domestico

Sotto il termine anglosassone, commercialmente più attrattivo, “baking soda”, il bicarbonato di sodio è spesso presente nei dentifrici cosiddetti sbiancanti, utili per rimuovere macchie ed imperfezioni dallo smalto dentale. Inoltre, considerato l’ampio utilizzo come antiacido contro i bruciori di stomaco, la facile reperibilità sul mercato ha reso il bicarbonato di sodio un classico protagonista dei consigli “fai da te” per dare candore e lucentezza al sorriso.

  • Spremere alcune gocce da un limone e lasciarle cadere su un cucchiaino di bicarbonato di sodio; raccogliere un po’ di sostanza con il dito indice e sfregarla leggermente sui denti, come fosse un dentifricio.
  • Riporre in un bicchierino un cucchiaio di bicarbonato di sodio ed aggiungere una piccolissima quantità di acqua mescolando fino a formare una pasta liscia. Utilizzare questa pasta come fosse un normale dentifricio.
  • Bagnare lo spazzolino da denti ed immergerlo in un mucchietto di bicarbonato di sodio, avendo cura di coprire tutte le setole. Lavarsi i denti per due minuti, avendo cura di raggiungere ogni singolo dente. Se si desidera ottenere un’azione sbiancate ancor più efficace, bagnare lo spazzolino con perossido di idrogeno (acqua ossigenata) al posto della comune acqua di rubinetto.
  • Spesso, gli “esperti” più coscienziosi aggiungono la raccomandazione di sciacquare abbondantemente la bocca dopo l’uso e di evitare l’utilizzo prolungato e lo spazzolamento troppo energico dei denti: limitando l’utilizzo ad una sola occasione settimanale, si riducono le possibilità che il trattamento sbiancante “fai da te” eroda lo smalto mettendo a rischio la salute dei denti.

Considerando il suo tradizionale utilizzo come agente sbiancante e lucidante, legato all’azione abrasiva dei cristalli che lo compongono, il bicarbonato di sodio appare un ingrediente sicuro, purché sia utilizzato nelle giuste dosi e secondo le corrette modalità d’uso. I problemi sorgono proprio da questi punti, poiché l’impiego sbiancante casalingo “fai da te” tendenzialmente non offre sufficienti garanzie in termini di sicurezza. Basti pensare alle formulazioni che una mente poco esperta potrebbe partorire, seppure in buona fede, a causa delle conoscenze sommarie sull’argomento, oppure all’eccessivo entusiasmo con cui gli utilizzatori potrebbero affrontare il trattamento finendo con l’utilizzarlo troppo spesso.

Le proprietà sbiancanti del bicarbonato di sodio sono molto conosciute, ma non tutti sanno che questo ingrediente naturale ha anche un effetto abrasivo e per questo va usato con i dovuti accorgimenti. Per ottimizzare l’effetto sbiancante e anti macchie del bicarbonato di sodio appoggia la punta delle setole dello spazzolino nel bicarbonatobagna con qualche goccia d’acqua e strofina delicatamente i denti, infine risciacqua. Non utilizzare questo trattamento per più di una volta al me

Se infatti il risciacquo aiuta a rimuovere residui di cibo rimasti incastrati, i batteri restano invece ancorati alle setole. Per una pulizia più profonda consigliamo quindi di impiegare una punta di bicarbonato e qualche goccia di limone.