Giornata del benessere sessuale: cos’è e perché è importante raggiungerlo

49

Il 4 settembre si celebra in tutto il mondo un momento di consapevolezza sul vivere in armonia con la propria sfera sessuale. Come si legge sul sito dell’Oms, il World Sexual Health Day è osservato ogni anno il 4 settembre dal 2010. Si tratta di un giorno in cui si mette al centro la consapevolezza sessuale, attraverso eventi e azioni promosse dalla World Association for Sexual Health, un’organizzazione impegnata nel promuovere le migliori pratiche per la salute sessuale. Per raggiungere una salute sessuale ottimale, bisogna avere una visione positiva e rispettosa della sessualità e della relazioni fisica, “al fine di avere piacevoli e sicure esperienze, libere da coercizioni, discriminazioni e violenze”, spiega l’Oms.

Come raggiungere il benessere sessuale

Secondo l’Oms l’abilità di uomini e donne di raggiungere il benessere sessuale dipende dall’accesso a informazioni comprensibili e affidabili sul sesso e la sessualità; conoscenze i rischi del sesso non protetto; l’accesso a cure sanitarie per l’apparato riproduttivo; vivere in un ambiente che promuovere il benessere sessuale.

Gli ostacoli al benessere sessuale

Il benessere sessuale non tocca solo la sfera fisica, ma anche quella psicologica. Per questo, per raggiungerlo, è necessario tenere in conto l’orientamento, l’identità di genere, l’espressione sessuale, le relazioni e il piacere. Gli ostacoli che si possono frapporre tra un essere umano e il suo benessere sessuale derivano dalla contrazione di infezioni come l’HIV o malattie sessualmente trasmissibili, oltre che patologie legate all’apparato riproduttivo come il cancro e l’infertilità; gravidanze indesiderate e aborto; disfunzioni sessuali; violenze sessuali; pratiche violente come le mutilazioni genitali.

Il benessere sessuale al tempo del Covid-19

Come si legge sul portale della World Association for Sexual Health, la nuova situazione mondiale legata alla pandemia da Coronavirus richiede un’attenzione particolare alla sfera sessuale. Il distanziamento sociale, l’isolamento e le misure igieniche messe in campo per il controllo della diffusione del virus sono dei fattori che possono influenzare pesantemente la sfera sessuale e psicologica. Anche le difficoltà economiche possono fare la differenza: la perdita del lavoro e la mancanza di risorse possono minacciare l’armonia di coppia e familiare. Le discriminazioni di genere, di razza e di condizione sociale, esasperate dalla pandemia, possono solo peggiorare la situazione. I lockdown hanno incrementato gli episodi di violenza domestica e sessuale, a causa del confinamento forzato a casa. “Fornire supporto mentale e psicologico agli individui, alle famiglie, alle comunità e alle squadre di lavoro impegnate nei servizi di base è fondamentale per il mantenimento della salute sociale e dei diritti – spiega la World Association for Sexual Health, che aggiunge – Bisogna ricordare che la protezione individuale salvaguarda gli altri dall’ammalarsi, che la vita va avanti e che la sessualità è un inseparabile ed essenziale parte degli esseri umani”.