Il frutto della passione è un vero e proprio concentrato di energia

463

Il frutto della passione è un frutto acidulo, dolce, profumato ed esotico, noto soprattutto per le sue caratteristiche organolettiche e gustative uniche nel loro genere. Il frutto della passione è della Famiglia botanica Passifloraceae, Genere Passiflora e specie edulis. Nativa dell’America Meridionale, è oggi coltivata in molte altre zone del pianeta a clima tropicale e sub tropicale.

Benefici e controindicazioni del frutto della passione

Grazie all’elevata presenza di fibre, il frutto della passione potrebbe contribuire a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e a proteggere la salute dell’intestino. Il frutto è anche ricco delle vitamine A e C e di flavonoidi, che hanno un effetto antiossidante e aiutano a prevenire la formazione dei radicali liberi. La presenza della vitamina A, inoltre, rende l’alimento benefico per la pelle e la vista. Grazie al contenuto di flavonoidi, inoltre, il consumo del frutto potrebbe fare bene a ossa e sistema cardiovascolare. Infine, è anche ricco di potassio, che favorisce l’idratazione dell’organismo, aiuta a regolare la frequenza cardiaca e a tenere sotto controllo la pressione sanguigna.

Il frutto della passione è un vero e proprio concentrato di energia e vitamine

La ricchezza in vitamina C, carotenoidi e polifenoli è molto utile per supportare l’azione difensiva dai radicali liberi. Inoltre, l’acido ascorbico è un fattore necessario alla sintesi del collagene, proteina diffusissima nel corpo umano, e contribuisce a supportare il sistema immunitario. I retinolo equivalenti invece, fungendo da provitamina A, supportano la funzione visiva, il differenziamento cellulare, la funzione riproduttiva ecc. Le vitamine del gruppo B, il ferro poco biodisponibile e il fosforo del frutto della passione contribuiscono al raggiungimento del fabbisogno generale, ma non in maniera tale da renderlo una fonte nutrizionale di primaria importanza.

Il frutto della passione non presenta particolari controindicazioni, ma il suo consumo è sconsigliato a chi soffre di allergia al lattice. Inoltre, è consigliabile non assumerlo in quantità eccessive, perché potrebbe avere un effetto lassativo.