Oms: in autunno sarà dura, aumenteranno i morti di Covid

52

L’Europa vedrà un aumento dei decessi provocati dal coronavirus nei mesi di ottobre e novembre: lo ha detto all’agenzia di stampa Afp il direttore per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), Hans Kluge. “Diventerà più difficile. In ottobre e novembre vedremo una maggiore mortalità”, ha sottolineato Kluge spiegando che i decessi aumenteranno a causa dell’attuale incremento dei casi di contagio.

“No al saluto con il gomito” Il direttore Tedros Adhanom Ghebreyesus ha ricordato raccomandazione da lui stesso fatta a marzo di evitare di salutarsi con il gomito perché non consente di osservare la distanza di sicurezza raccomandata per evitare il contagio. “Salutando le persone, è meglio evitare di toccarsi con i gomiti perché questo ti fa stare a meno di un metro di distanza dall’altro. A me piace mettermi una mano sul cuore per salutare le persone in questi giorni”, ha scritto l’economista Diana Ortega, in un messaggio ritwittato da Ghebreyesus.

Crescono intanto i contagi e i decessi di coronavirus a livello globale. Secondo la Johns Hopkins University, il numero complessivo è ormai prossimo ai 29 milioni (28 milioni 996.407). L’Oms parla di nuovo record giornaliero di casi di contagio: 307.930 in 24 ore. Gli Stati Uniti restano il Paese più colpito in termini assoluti con 6 milioni e mezzo di positivi e 194.033 vittime. Seguono il Brasile con 131.625 morti e 4 milioni di contagi e l’India con 78.586 decessi e quasi 4 milioni di positivi, in rapido aumento. In tutto, sono 921.097 le persone decedute nel mondo a causa della pandemia da coronavirus.