Per il rientro a Settembre, idratazione e magnesio

189

Il mese di settembre è considerato il mese del ritorno alla normalità: si torna al lavoro, i ragazzi ricominciano la scuola e per molti è il periodo in cui si inizia una dieta. Per certi aspetti è molto simile a gennaio, ci si lascia le feste e le vacanze alle spalle per dare il via ai buoni propositi. Durante l’estate, spesso ci si può ritrovare con qualche chilo in più complice l’alcool, i dolci e qualche peccato di gola di troppo.

Una cosa che accomuna tutte le diete è sicuramente un giusto apporto di acqua, bere 8-10 bicchieri al giorno, che possono aumentare a seconda dell’attività fisica, essenziale per rimettersi in forma, e del caldo, è una raccomandazione allo stesso tempo semplice ed efficace che ci può aiutare a ripartire al meglio.

Una corretta idratazione associata a un’attività fisica costante sono basi solide per ottenere risultati visibili e duraturi in maniera salutare. Uno studio internazionale evidenzia come il ruolo dell’acqua che idrata il tessuto muscolare rendendolo più attivo dal punto di vista metabolico aiuta così a farci perdere peso. L’acqua è inoltre fondamentale per l’assorbimento dei nutrienti e per l’eliminazione di scorie, nonché per attivare una serie di meccanismi metabolici che ci aiutano a perdere peso. Spesso però si sottovalutano gli importanti effetti benefici dei vari macro e micronutrienti presenti nell’acqua come il potassio, il magnesio e il calcio.

In particolare, il magnesiospiega la dottoressa Elisabetta Bernardi, Biologa specialista in Scienza dell’Alimentazione e membro dell’Osservatorio Sanpellegrino– è uno dei sette macroelementi essenziali, minerali cioè che devono essere consumati in quantità relativamente grandi – almeno 100 milligrammi al giorno. Questo minerale svolge un ruolo importante in più di 300 reazioni enzimatiche nell’organismo, compreso il metabolismo del cibo, la sintesi di molecole fondamentali e la trasmissione degli impulsi nervosi. Inoltre, viene in aiuto anche alle donne che soffrono di sindrome premestruale, sintomi quali gonfiore, insonnia e aumento di peso, possono essere alleviati con un adeguato apporto di magnesio.

Inoltre, il magnesio, grazie al suo ruolo chiave per la regolazione dell’umore, aiuta a combatterequel malessere fisico e psicologico noto come “stress da rientro.

“Le acque ricche di questo micronutriente ci aiutano a ripristinare l’equilibrio psichico ed emotivo spiega ancora la Dottoressa Bernardi – contribuendo ad armonizzare tutta la sfera nervosa, in particolare in questo periodo quando i disturbi dell’umore diventano più frequenti e soffriamo di difficoltà di concentrazione, insonnia, stanchezza fisica e mentale”.