Suarez, le intercettazioni choc: «Stipendio da 10 milioni, deve passare l’esame»

19
BARCELONA, SPAIN - JUNE 30: Luis Suarez of FC Barcelona looks on during the Liga match between FC Barcelona and Club Atletico de Madrid at Camp Nou on June 30, 2020 in Barcelona, Spain. (Photo by David Ramos/Getty Images)

Non dovrebbe, deve, passerà, perché con 10 milioni a stagione di stipendio non glieli puoi far saltare perché non ha il B1″. E’ una delle intercettazioni contenute nel decreto di sequestro probatorio emesso dalla procura di Perugia in relazione alle presunte irregolarità nell’esame di italiano per la cittadinanza del calciatore Luis Suárez.

«Quello non spiccica ‘na parola, coniuga i verbi all’infinito, ma te pare che lo bocciamo!». Spuntano intercettazioni inquietanti sul caso Luis Suarez, il calciatore del Barcellona che con una escamotage avrebbe sostenuto l’esame di italiano per ottenere la cittadinanza in maniera agevolata. «L’abbiamo instradato bene, sta memorizzando l’esame», continuano le intercettazioni. La procura sostiene che l’esito dell’esame fosse blindato e che le domande sarebbero state consegnate in anticipo al calciatore. I vertici dell’università erano preoccupati di un eventuale bocciatura del calciatore uruguagio: «Se lo bocciamo ci fanno attentati, ma ho paura che se i giornalisti gli fanno due domande quello va in crisi.. Come fai fai, sbagli».

La guardia di finanza di perugia sta acquisendo i documenti dagli uffici dell’Università per Stranieri del capoluogo umbro. Indagati i vertici di palazzo Gallenga. i reati ipotizzati sono  rivelazione di segreti d’ufficio, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e altro. 

«Dalle attività investigative-sottolinea in una nota della procura firmata da Raffaele Cantone – è risultato che gli argomenti oggetto della prova d’esame sono stati preventivamente concordati con il candidato e che il relativo punteggio è stato attribuito prima ancora dello svolgimento della stessa, nonostante sia stata riscontrata, nel corso delle lezioni a distanza svolte da docenti dell’ateneo, una conoscenza elementare della lingua italiana».

Si complica ora la situazione per il giocatore che insieme all’Univerisità di Perugia dovrà rispondere su come siano andate realmente le cose durante il giorno del tanto agognato esame. Tra l’altro Suarez non vestirà nemmeno la maglia della Juventus e tutto questo sa di doppia beffa per l’uruguaiano.

Suarez, l’università: “Esame corretto e trasparente”

“In relazione agli accertamenti in corso l’Università per Stranieri di Perugia ribadisce la correttezza e la trasparenza delle procedure seguite per l’esame sostenuto dal calciatore Luis Suarez e confida che ciò emergerà con chiarezza al termine delle verifiche in corso”. Così l’Università per Stranieri di Perugia in una nota in relazione a presunte irregolarità nella prova di certificazione della lingua italiana, svolta il 17 settembre scorso, dal calciatore uruguaiano Luis Alberto Suárez Diaz.