Superbonus: bloccati i decreti del Mise

51

Stop a sorpresa per l’attuazione delle norme sul superbonus. Servirà più tempo per la pubblicazione dei decreti Mise in materia di asseverazioni e requisiti tecnici. Se nei giorni scorsi, dopo le indicazioni del Mef, era maturata la convinzione che i due provvedimenti fossero ormai a un passo dalla Gazzetta ufficiale, nelle ultime ore la situazione è cambiata: la Corte dei conti ha formulato delle osservazioni che richiederanno un supplemento di lavorazione al ministero.

I decreti attuativi del ministero dello Sviluppo economico sulle norme che regolano l’accesso al superbonus del 110% e sulle asseverazioni necessarie per beneficiare della maxi-detrazione, come sottolinea laleggepertutti.it, sono stati bloccati dalla Corte dei conti. La magistratura contabile ha chiesto al Mise di rimetterci le mani per correggere nella forma (non nel merito) alcuni passaggi che riguardano le certificazioni ed i requisiti tecnici. Significa che per avere un quadro definitivo sulla modalità di fruizione del superbonus occorrerà attendere ancora qualche giorno. Si parla di un paio di settimane prima che i provvedimenti finiscano sulla Gazzetta Ufficiale. Anche perché la sede del Mise è stata evacuata causa coronavirus: bisognerà aspettare che i tecnici possano rientrare nei loro uffici per mettersi al lavoro sulle modifiche richieste.

La richiesta della Corte dei conti punta a rendere i decreti più chiari da un punto di vista formale, affinché diventino applicabili in modo più semplice, senza lasciare spazio a dubbie interpretazioni o a contrasti rispetto alle indicazioni dell’Agenzia delle Entrate. Precisazioni che possono riguardare, ad esempio, la possibilità di accedere al superbonus per alcuni lavori trainati, per gli interventi sulle parti comuni degli edifici, per i dispositivi di controllo da remoto dell’impianto di climatizzazione, ecc.

Il risultato è che ancora non c’è un quadro dettagliato e preciso sulla modalità di fruizione della maxi-agevolazione fiscale, nonostante siano passati quasi tre mesi dal 1° luglio, dalla data a partire dalla quale è possibile beneficiare del superbonus sulle spese sostenute per i lavori di efficientamento energetico degli edifici.