Appello per Milo, il cane ‘paperotto’ abbandonato per le sue zampe

105

Il suo nome è Milo e, per lui, i volontari dell’associazione Laica di Erbusco (nel bresciano) hanno lanciato un appello sui social, come si legge su Milano Repubblica.

“Buongiorno a tutti. Non siamo soliti chiedere aiuto, ma questa volta abbiamo davvero bisogno di tutti voi. – si legge in un lungo post pubblicato su Facebook dall’associazione – Altra cessione di proprietà, acquistato su e-bay per pochi soldi, fatto viaggiare per più di 1000 km e quando è arrivato, si accorgono che ha una grave malformazione alle zampe anteriori che ovviamente era stata taciuta al momento della proposta di vendita. Quindi non più voluto e accolto presso la nostra associazione”.

“Sorvoliamo sulla superficialità di chi ha comprato e sulla scorrettezza di chi ha venduto, si potrebbero dire tante cose, ma vogliamo evitare e cercare di pensare solo a sistemare questo povero cane che in tutto questo, non ha nessuna colpa. – continua il post – Lui è Milo (detto paperotto), un cucciolo di Rottweiler di circa 5 mesi di una dolcezza disarmante, purtroppo ha un grave valgismo bilaterale della mano conseguente a ritardato accrescimento ulnare, questo gli porta ad avere dolore nella deambulazione e se non dovesse essere operato in tempi brevi potrebbe rimanere storpio per tutta la vita, come potremmo permettere una cosa simile! Quindi nei prossimi giorni subirà un intervento correttivo bilaterale in un’unica seduta, con un relativo post operatorio molto impegnativo”.

“Le spese per poterlo operare fra tutto (esami pre-operatori, studio radiografico, intervento a tutti e due gli altri, ecc ecc ) si aggirano intorno ai 1400 euro più Iva e in questo periodo dove già si fa fatica ad andare avanti, per noi oltre ad essere una spesa non preventivata, sarà difficile da sostenere se nessuno ci aiuta. – Quindi chiediamo con il cuore in mano il vostro aiuto, anche il più piccolo dei contributi per noi sarà un dono preziosissimo e consentirà a questo piccoletto di poter camminare in maniera corretta senza più sentire dolore”. Sulla pagina Facebook dell’associazione ci sono anche le modalità per poter effettuare le donazioni.