Bonus 500 euro per internet veloce, pc e tablet: ecco come otterlo

121

Il Comitato Banda ultra larga (Cobul) ha deciso che le famiglie che ne hanno diritto potranno iniziare a servirsi del bonus dal mese prossimo e ha dato mandato a Infratel di “agire affinché i cittadini possano usufruire quanto prima delle agevolazioni”. Nella prima fase sono interessate 480mila famiglie con meno di 20mila euro di Isee. La misura è anche un incentivo all’utilizzo della banda ultra larga su tutto il territorio nazionale.

Il Comitato, si legge in una nota, ha dato mandato a Infratel (società del gruppo Invitalia S.p.a e vigilata dal Ministero dello Sviluppo economico) di “agire affinché i cittadini possano usufruire quanto prima delle agevolazioni derivate dai voucher”.

Il decreto che regola il bonus pc, ovvero i voucher per acquistare computer, tablet e banda larga, è stato pubblicato in Gazzetta lo scorso primo ottobre e mette a disposizione, in questa prima fase, 204 milioni di euro per 480mila famiglie con meno di 20mila euro di Isee. “Questa prima fase dell’erogazione dei voucher – viene precisato nella nota del Comitato – rientra in un progetto più ampio che offrirà anche a famiglie con reddito superiore a 20mila euro e a imprese la possibilità di beneficiarne”.

“I dettagli per la seconda fase dell’erogazione di agevolazioni sono attualmente oggetto di approfondimento tecnico e verranno deliberati nella seduta del Comitato già convocata per il 27 ottobre”. Il criterio per l’assegnazione dei voucher sarà ad esaurimento. Ciascun voucher ha un valore massimo di 500 euro e può essere utilizzato per servizi di connettività o per l’acquisto di un pc o tablet. Ai servizi di connettività può essere destinata una somma compresa tra i 200 e i 400 euro, mentre per tablet e pc una cifra tra i 100 e i 300 euro.

Secondo il decreto, nella prima fase hanno diritto al voucher da 500 euro le famiglie con un Isee inferiore ai 20mila euro l’anno. Il provvedimento ha previsto l’assegnazione di un solo voucher per famiglia. Il contributo per acquistare un tablet o pc viene erogato solo nel caso in cui sia contestuale all’attivazione di un servizio di connettività. La misura, quindi, intende anche incentivare l’utilizzo della banda ultra larga su tutto il territorio nazionale.

Per ottenere il voucher, è necessario contattare direttamente il proprio operatore internet. È necessario sottoscrivere un contratto, della durata minima di un anno, con un operatore accreditato presso Infratel Italia, dato che l’acquisto di tablet o pc deve essere contestuale all’attivazione di un servizio di connettività (non è possibile acquistare un computer o un tablet e, successivamente, richiedere il rimborso tramite voucher).

Bonus internet e pc o tablet da 500 euro, a chi andrà: ISEE inferiore a 20 mila euro

Per la prima fase (bonus 500 euro internet e pc/tablet) ci sono 204 milioni di euro disponibili, che potranno soddisfare 480 mila famiglie, con meno di 20mila euro di Isee, su una platea di 2,2 milioni di persone aventi diritto. Il criterio, come sempre in questi casi, sarà ad esaurimento: quindi si aggiudica il bonus chi lo chiede per primo, tramite operatore. Comunque la misura durerà un anno e quindi scade il primo ottobre 2021.

Previsto un solo voucher per famiglia.

Famiglie tra 20mila e 50mila di Isee e imprese

Per le famiglie con Isee fino alla soglia di 50 mila euro ci sono 320.927.954 euro per soddisfare quindi 1.604.640 famiglie.

Per le imprese ci sono 551.777.070 euro che, in base alla disponibilità di rete presente nelle relative sedi, sarà suddivisa in 114.617.127 euro, che si stima interesserà 229.234 imprese per raggiungere la connettività ad almeno 30 Mbit/s e in 401.159.943 euro, che potrà soddisfare 200.580 Imprese, per raggiungere la connettività a 1 Gbit/s.

Voucher, alcune Regioni limitano gli aventi diritto (cfr Faq Infratel)

Anche se la misura intende incentivare la fruizione di servizi a banda ultralarga su tutto il territorio nazionale, alcune Regioni hanno chiesto di applicarla solo agli abitanti di alcuni comuni: regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Toscana. L’elenco dei comuni sarà reso noto non appena comunicato ad Infratel Italia dalle regioni interessate, si legge sulle FAQ 2 ottobre di Infratel.

I requisiti di connettività

Oltre all’Isee l’altro requisito per fruire del bonus è essere o privi di connessione internet o averne una di velocità inferiore a 30 Mbps (come’Adsl).

  • Il voucher è fruibile inoltre solo se l’utente sceglie una connettività ad almeno 30 Mbps. Niente Adsl, insomma.
  • Di preciso devono essere connessioni con almeno 30 Megabit in download e 15 Megabit in upload. Non solo: devono anche avere una banda minima garantita di rispettivamente 15 e 7,5 Megabit. Questo escluderebbe le finte connessioni banda ultra larga (tipicamente fttc con doppino lungo che fanno pochi megabit reali).
  • Non solo: l’utente dovrà passare alla connessione migliore disponibile. Per esempio, se è coperto da un operatore che dà 1 Gigabit, da uno che ne dà 200 e da uno che arriva a 30 Mbps dovrà scegliere la prima offerta.

Non è passato nel decreto un principio che alcuni operatori chiedevano: per chi aveva già una connessione ad almeno 30 Mbps, possibilità di sfruttare il bonus solo se si passa a una connettività fino a 1 Gbps, velocità ora garantita solo dai servizi fibra ottica fino alle case (VHCN).

Chi non ha diritto al voucher 500 euro

  • Chi ha Isee da 20 mila euro in su
  • Chi ha già una connessione ad almeno 30 Mbps
  • Chi non è coperto da una connessione ad almeno 30 Mbps

Come richiedere il bonus internet, pc e tablet 500, 200, 2mila euro: attraverso l’operatore

Per ottenere il voucher sarà sufficiente fare richiesta a un operatore (su qualsiasi canale, online, negozi…), il proprio o un altro, che rispetti i requisiti di connettività succitati. Deve autocertificare il proprio Isee. Il Governo farà controlli a campione.

Come confermato dal ministero dello Sviluppo economico in una nota del 2 settembre (ma già noto in precedenza e quindi così indicato nella prima versione di quest’articolo, pubblicata il 7 agosto), l’utente non può fare richiesta diretta del bonus internet e pc. Né è possibile avere il pc senza la connessione.

Non si può ottenere il bonus computer tramite un negozio di elettronica.

Fa tutto l’operatore telefonico invece:

  • eroga all’utente il bonus come sconto sul canone o sull’eventuale costo di attivazione
  • fornisce il router
  • fornisce il computer o il tablet (a scelta dell’utente), per le famiglie della prima fascia.

L’operatore otterrà poi il rimborso dei costi da Infratel, seguendo una procedura apposita di convenzione e registrazione.

Il modulo per richiedere il voucher 500 euro pc e internet

C’è un modulo, sul sito di Infratel, che sarà usato dagli utenti per accedere al contributo presentandolo agli operatori in fase di attivazione dell’offerta.

SCARICA QUI MODULO VOUCHER PC INTERNET (PDF)

Ecco le dichiarazioni chiave

DICHIARA
[ ] che nell’unità abitativa del nucleo familiare a cui appartiene non è attivo alcun
servizio di connettività con velocità pari ad almeno 30 Mbit/s;
[ ] di voler utilizzare il modem/router fornito dall’Operatore;
[ ] o, in alternativa, di voler acquistare/utilizzare modem/router di propria scelta;
[ ] che il reddito ISEE del nucleo familiare a cui appartiene è inferiore a 20.000 euro.

Come si ripartisce il bonus di 500 euro tra connettività e prodotto

Il bonus massimo come detto è 500 euro ma bisogna seguire una ripartizione tra le due voci:

  • 200-400 euro per lo sconto sui servizi di connettività per una durata non inferiore a 12 mesi
  • 100-300 euro sulla fornitura di un personal computer o tablet che è vincolato al contratto di connessione ma diventa di proprietà dopo i 12 mesi